Alpinismo

Giancarlo Grassi: l'uomo del giardino di cristallo

Di Giancarlo Costa

Giancarlo Grassi (foto www.planetmountain.com

"In fondo una delle realtà essenziali dell'alpinismo è che non ha in se nessun scopo utilitaristico. E' come l'acqua di fonte che sgorga nei monti, dentro non vi è nulla, non ha colore, ma è questa la sua bellezza e la sua forza irresistibile...Giancarlo Grassi"

Venerdi 15 maggio si ricorda il grande alpinista e ghiacciatore Giancarlo Grassi con la proiezione con la proiezione del film "Giancarlo Grassi: l'uomo del giardino di cristallo" ad Ivrea (TO) alle ore 20,30 presso l'auditorium del ...

Continua a leggere

Si è spento Achille Compagnoni, il conquistatore del K2

Di Giancarlo Costa

Achille-Compagnoni

Si è spento all'età di 94 anni questa mattina, mercoledì 13 maggio, attorno 5,30 all'Ospedale di Aosta, Achille Compagnoni, che con Lino Lacedelli, fu il primo salitore del K2, nel luglio del 1954. Da alcune settimane era ricoverato in ospedale per i problemi legati all'età. 

Nato nel 1914, originario di Santa Caterina Valfurva, viveva da anni a Cervinia, dove faceva l'albergatore ed era guida della Valtournenche.

Ma la storia di Achille Compagnoni rimane legata alla conquista italiana del K2, seconda ...

Continua a leggere

Recensione Libri: Imparare a Respirare di Andy Cave

Di Giancarlo Costa

cave2

Dagli infernali abissi di una miniera alle abbacinanti visioni dalla cima del Changabang, in Himalaya. All'età di sedici anni Andy Cave seguì le orme di suo padre e suo nonno per diventare minatore, tra le ultimissime reclute in un'industria nazionale allo spasimo. Ogni giorno, Cave sarebbe sceso negli abissi della miniera di Grimethorpe, mille metri sottoterra.Tuttavia, nei fine settimana, Andy sfuggiva dal mondo di nera pece per rifugiarsi in un universo completamente diverso. mettendo alla prova il suo nerbo sulle ...

Continua a leggere

L'orizzonte verticale dei fratelli Riegler

Di Giancarlo Costa

Fratelli-Riegler-sulle-Dolomiti

Nel corso della Settimana Santa, l'altoatesino Florian Riegler dell'alpineXtrem Team di SALEWA e il fratello Martin si sono "concessi" due vie sulle Dolomiti di assoluto valore alpinistico: il 7 aprile hanno affrontato on sight il "Karies"del Sasso Lungo e cinque giorni più tardi hanno ripetuto "Zauberlehrling" della Cima Scotoni.

L'amore per la montagna non si ferma mai. Anche nelle feste comandate chi ama misurarsi con il mondo verticale, preferisce imbrago e moschettoni lasciando ad altri i pranzi e i festeggiamenti. E ...

Continua a leggere

Piolet d'or alla carriera a Walter Bonatti

Di Giancarlo Costa

Walter Bonatti (Foto Zam.it)

Dopo un anno di stop e qualche polemica, che fa sempre parte del mondo dei riconoscimenti alpinistici, riprende il più prestigioso premio internazionale all'alpinismo, il Piolet d'or. 

Ed è ripreso con l'anteprima di ieri sera a Courmayeur,  assegnando il premio alla carriera a una delle leggende dell'alpinismo italiano: Walter Bonatti.

Questa sera a Chamonix la consegna del Piolet d'or ( o dei Piolets d'or, visto che potrebbero essere ben più di uno) per le imprese alpinistiche dell'anno.

Continua a leggere

L'alpinista polacco Piotr Morawski muore sul Dhaulagiri

Di Giancarlo Costa

Piotr Morawski all'Annapurna

Piotr Morawski, l'alpinista polacco che nel 2005, assieme a Simone Moro, salì per la prima volta in inverno lo Shisha Panama, è scomparso sul Dhaulagiri, 8163 metri di quota in himalaya, cadendo in un crepaccio sotto il campo 1, mentre era impegnato in un tentativo sulla via normale in preparazione di una nuova via sul Manaslu.

Il trentatreenne alpinista polacco aveva già salito sei ottomila: Shisha Pangma, Cho Oyu, Broad Peak, Nanga Parbat, Gasherbrum I e II. 

Continua a leggere

Prima salita invernale sul Makalu (8473 metri) per Simone Moro - 9 febbraio 2009

Di Giancarlo Costa

Simone-Moro-nella-salita-al Makalu (Foto simonemoro.blogspot.com)

Simone Moro e Denis Urubko hanno toccato la cima del Makalu, 8473 metri, siglando la prima salita invernale assoluta della montagna. Il Makalu era infatti l'unico ottomila himalayano a non essere ancora stato salito d'inverno, nonostante numerosi  tentativi in passato.

L'anno scorso, Urubko e il compagno russo Serguey Samoilov erano riusciti a raggiungere i 7400 metri di quota, prima di essere respinti da venti fortissimi. Urubko e Moro hanno completato questa salita.


Simone Moro, bergamasco di 41 anni, diventa uno ...

Continua a leggere

Morti 4 alpinisti torinesi sull'Aiguille du Midi - Chamonix (Francia) 18.1.2009

Di Giancarlo Costa

LAiguille-du-Midi-al-tramonto, vista da chamonix

Ancora morti in montagna. Quattro alpinisti torinesi, Dario Tomellini, Antonio Carnino, Stefano Tabacco e Gianluca Molino, sono precipitati in prossimità della stazione d'arrivo dell'Aiguille du Midi, nel massiccio del Monte Bianco, mentre erano impegnati nella salita della goulotte Vogler, un canalone ghiacciato che si può vedere dalla passerella della stazione.

Saliti con la funivia, s'erano calati alla base della via, per poi risalirla. Voci non confermate dicono che si siano trovati in difficoltà nel risalire, abbiano perso tempo nel cercare ...

Continua a leggere

Il più giovane salitore dell'Everest muore sul Mont Blanc du Tacul - Chamonix (FRA) -11.1.2009

Di Giancarlo Costa

Mont Blanc du Tacul

Rob Gauntlett, il più giovane salitore dell'Everest, è morto durante la salita del canalone Gervasutti sulla parete est del Mont Blanc du Tacul. Gauntlett e il suo compagno di cordata James Atkinson, 21 anni entrambi, sono morti a causa della caduta, dopo che erano arrivati a quota 4000.

Rob Gauntlett, due anni fa aveva salito l'Everest, e con i suoi 19 anni, diventò il più giovane salitore della montagna. Da allora aveva proseguito la sua carriera alpinistica ed esplorativa con ...

Continua a leggere

Tragedia sull'Aconcagua - Argentina

Di Giancarlo Costa

Nuovo drammatico incidente in alta quota. Questa volta tocca a quattro alpinisti italiani impegnati nella scalata dell'Aconcagua, la vetta più alta del Sudamerica, un vulcano di 6962 metri d'altezza.

Due sono già scesi dalla montagna e portati all'ospedale, un terzo, Matteo Refrigerato, è in condizioni peggiori, ed è stato recuperato, mentre l'alpinista morta è Elena Senin, di Ivrea residente a Milano.

Secondo le ultime notizie, sarebbe morto anche Federico Campanini, la guida argentina che accompagnava il gruppo.

Della cordata italiana, investita martedì da ...

Continua a leggere