3 vittime di incidenti in montagna nel weekend

Di GIANCARLO COSTA ,

Il canale Lourusa in versione estiva
Il canale Lourusa in versione estiva

Ieri Valle Gesso, in provincia di Cuneo, sono recuperati dall'Elisoccorso di Levaldigi due alpinisti deceduti in due diversi incidenti.  Il primo è stato recuperato nel canale Lourusa sopra le Terme di Valdieri. Si tratta di uno scialpinista, Vincenzo Secondo, di 56 anni, medico di Genova, scivolato su un passaggio ghiacciato del canale e deceduto per i traumi riportati nella caduta.

Il secondo, Pier Lorenzo Ravotti, 60 anni, pensionato di San Michele Mondovì, invece è stato colpito da una scarica di pietre mentre stava salendo con picche e ramponi il canale del Tablasses sopra il pian del Velasco verso l'alta valle Gesso.

Ritrovato ieri il corpo di Giuliano De Marchi, disperso sull'Antelao, in provincia di Belluno, da venerdì pomeriggio. Il medico e alpinista bellunese, celebre per diverse imprese tra cui la traversata del McKinley nel 2007 e la spedizione K2 2004, è stato trovato morto in fondo ad un canalone, a causa di un  trauma alla testa.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti