Ad Arco (TN), il campionato italiano giovanile di arrampicata

Di MARCO CESTE ,

colore1
colore1

Da oggi a domenica il Climbing Stadium di Arco, nell’Alto Garda trentino, apre le porte ad un nuovo grande evento di arrampicata sportiva. La stagione 2012 dell’arena che ospitò il Mondiale assoluto lo scorso anno, è iniziata con le finali del Campionato Italiano giovanile nell’ultimo fine settimana di maggio, e dopo aver assegnato i titoli U20, U18 e U16 ora si tratta di…chiudere il cerchio, con i più giovani nelle categorie Under 14, 12 e 10.

Il programma entra nel vivo oggi, venerdì 1° giugno, con la disciplina della velocità, le competizioni avranno luogo su un tracciato di 10 metri, con qualifiche a partire dalle 15.30 e le fasi finali dalle 18.30.

Sabato mattina alle 9.00 le pareti iridate del Climbing Stadium saranno tutte a corde e moschettoni per la lead, seconda disciplina chiamata in causa dalla rassegna iridata, con un’intensa tabella di marcia che parte dalle 9.00 del mattino per concludersi in serata, suggellata dalle premiazioni alle 19.30.

Come avvenuto lo scorso fine settimana ai Campionati Italiani dei “colleghi” più grandicelli, anche le giovani promesse del climbing Under 14, 12 e 10 vivranno il gran finale nella giornata di domenica, quando sulle variopinte pareti del boulder sarà sfida dalle 9.00 del mattino tra gare e qualifiche, con le finali dalle 14.30 e le premiazioni dalle 16.00.

Proprio in occasione della giornata conclusiva verranno assegnati i titoli italiani, la laurea di campione e campionessa nazionali se la guadagneranno infatti i “ragnetti” che si saranno distinti al meglio in tutte e tre le discipline verticali, vale a dire i vincitori della classifica combinata stilata al termine della rassegna altogardesana.

Nell’imminente tre giorni di Arco saliranno in parete oltre 200 ragazzi e ragazze provenienti da ogni angolo d’Italia, qualificati dopo le fasi di selezione regionali e macroregionali disputatesi nei mesi scorsi. Nelle prove di velocità, difficoltà e boulder saranno in lizza giovani di Basilicata, Sicilia, Abruzzo, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Friuli Venezia Giulia, Molise, Lombardia, Veneto, Lazio, Piemonte, Liguria, Umbria, Valle d’Aosta e Trentino Alto-Adige, con questi ultimi a fare gli “onori di casa”.

L’obiettivo comune a tutti è quello di centrare l’ambito titolo italiano, come fecero l’anno scorso a Sesto Pusteria (Alto Adige) Lisa Moser e Jacopo Stefani (U10), Filip Schenk e Laura Rogora (U12) e, tra gli Under 14, Alice Gianelli e Stefano Carnati, questi ultimi eletti campioni italiani fra gli Under 16 giusto domenica scorsa, sempre al Climbing Stadium di Arco.

Gianelli e Carnati sono dunque passati alla categoria superiore ed hanno coì lasciato via libera a due nuovi eredi tra gli Under 14, allo stesso modo i giochi saranno aperti nell’Under 10 e nell’Under 12 maschile, dato che Moser e Stefani quest’anno gareggeranno tra gli U12 e Schenk tra gli U14. Manterrà invece la stessa categoria del 2011 Laura Rogora, la quale dunque proverà a riconfermarsi tra le U12.

La prima delle discipline in parete sarà come detto la speed, tra i promettenti velocisti da tenere d’occhio domani ci sono soprattutto gli altoatesini Emily Nothdurfter e Moritz Sigmund, il piemontese Alessandro Pucci Manildo e i due tricolori Stefani e Moser, quest’ultima vincitrice, oltre che della gara speed 2011, anche della lead e del boulder.

Arco e il suo Climbing Stadium sono pronti a servire l’ennesima full immersion nella grande arrampicata, ad organizzare l’evento tricolore è il settore giovanile della FASI, con la collaborazione della SSD Arrampicata Sportiva Arco e dell’ASD Arco Climbing.

Info: www.rockmasterfestival.com



Può interessarti