Alpe Adria Trail: dalle Alpi Giulie al mare Adriatico

Di GIANCARLO COSTA ,

1 Alpe Adria Trail Monte Lussari (foto Fabrice Gallina)
1 Alpe Adria Trail Monte Lussari (foto Fabrice Gallina)

E' un turismo consapevole quello che cammina sui sentieri dell'Alpe Adria Trail, consapevole dello sforzo fisico che richiede un viaggio di 750 km zaino in spalla che si può suddividere in 43 tappe di circa 17 km oppure percorrere in un "colpo" solo, come fece il trail runner Michele Evangelisti che stabilì nel 2015 il record percorrendo l'Alpe Adria Trail in 142h04m, dal Grossglockner al mare Adriatico.

Descrivere tutto l'Alpe Adria Trail in un articolo è praticamente impossibile, tant'è che ci sono diversi libri di settore che lo fanno. Sono 10 le tappe in Italia, che presentano qualche breve passaggio in Slovenia. La tracciatura e la cartellonistica in Italia sono a carico del CAI (Club Alpino Italiano), così come succede in Austria con il PES e in Slovenia PZS, cioè il Club Alpini Nazionali.

Mi soffermo su qualche tappa italiana che colpisce particolarmente l'occhio per le bellezze naturali che si possono ammirare dalle Alpi Giulie fino all'arrivo sul mare Adriatico di Muggia.

In particolare nel tarvisiano ci sono due tappe che toccano gioielli della natura e dell'uomo: i laghi di Fusine e il Monte Lussari.

Laghi di Fusine

I due laghi di Fusine, nell'omonimo Parco Naturale, si trovano all'interno di una conca racchiusa da un imponente arco montuoso dominato dalla mole del monte Mangart.
I due laghi occupano un vasto circo glaciale e sono sorretti da cordoni morenici di notevole sviluppo. Il cordone frontale, che è quello principale, sbarra il lago Inferiore e si eleva sul fondovalle di oltre 120 metri.
I due laghi, Superiore e Inferiore, si trovano a circa 900 metri di quota. Nelle vicinanze del lago inferiore si trovano anche altri due minuscoli specchi d'acqua, chiamati laghi piccoli. Il lago Superiore alimenta il lago Inferiore per via sotterranea e quest'ultimo alimenta l'emissario di entrambi i laghi. Dai laghi di Fusine c'è la possibilità di raggiungere il rifugio Zacchi.

Monte Lussari

Il Monte Lussari è una montagna delle Alpi Giulie sulla quale sorge un piccolo borgo attorno a un convento. Dalla cima si gode di un panorama sulla conca del tarvisiano e sulle alture circostanti. La zona del Tarvisiano, in provincia di Udine, è detta anche "dei tre confini": Italia, Austria, Slovenia, cioè le 3 nazioni attraversate dall'Alpe Adria Trail. A pochi chilometri da Tarvisio in Val Canale, si trova il Monte Forno, chiamato anche Cima dei tre Confini, Dreilaendereck per gli austriaci, Pec per gli sloveni, ad oltre 1500 metri di quota.
Il Santuario del Monte Lussari è un gioiello architettonico che richiama turisti e fedeli. La leggenda dice che un pastore, dopo aver perduto le sue pecore le trovò sul monte inginocchiate attorno a un cespuglio di pino mugo. Al centro del cespuglio si trovava una Madonnina con Bambino. Sul luogo nel 1360 fu edificata una chiesetta e di seguito la chiesa attuale che risale invece al periodo compreso tra il 1500 ed il 1600.

Per maggiori informazioni http://alpe-adria-trail.com/it/

Articolo Publiredazionale

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti