Andrea Devicenzi sulla Via di Francesco: 500 km a piedi in 22 giorni con una gamba, due stampelle e tanto entusiasmo

Di GIANCARLO COSTA ,

Andrea Devicenzi e Luca Toscani di Quixa
Andrea Devicenzi e Luca Toscani di Quixa

Mancano poche ore al via per Andrea Devicenzi, che l’8 settembre si metterà in cammino percorrendo la Via di Francesco. Una gamba e due stampelle, una vettura geolocalizzata e uno staff che lo seguirà per tutti i 22 km sono gli strumenti che il campione paralimpico, privo di una gamba, avrà a disposizione per i 22 giorni che serviranno per percorrere i 500 km che separano la città di La Verna, in Toscana, da Roma.
Andrea inizierà questa nuova avventura alle 8 precise dell’8 settembre percorrendo 24 tappe per una media di 22 km al giorno (massimo 36) attraversando il cuore della penisola. È il primo amputato a compiere un’impresa del genere che sarà seguita da Radio Francigena e avrà il patrocinio del Coni, dei Ministeri di Salute e Beni culturali e delle regioni Lombardia, Toscana, Umbria e Lazio.

Accanto a Devicenzi ci saranno lo youtuber Andrea Baglio che lo accompagnerà fino ad Assisi e il camminatore esperto Simone Pinzolo ma l’invito a unirsi è questa impresa è rivolto a chiunque abbia il desiderio di condividere un pezzo di strada. Condivisione che sarà anche virtuale attraverso la pagina facebook Viaggi in gamba - Andrea Devicenzi e sul sito viaggingamba.it. A supportare il cammino decine di sponsor tra i quali Quixa, BMW, Parmovo e Fondazione Vodafone.
“Voglio avvicinare sempre più persone con disabilità allo sport anche attraverso attività apparentemente semplici come il cammino - ha dichiarato Andrea - Giorno per giorno, allenamento dopo allenamento, ho apprezzato in un modo che non avrei mai pensato questa “specialità”. Ancora più della bici, si ha la possibilità di ascoltare, toccare, fermarsi per scambiare due chiacchiere con un tuo amico o un semplice curioso”.

Andrea Devicenzi, 45 anni, vive a Martignana Po e lavora come formatore e mental coach. A 17 anni ha perso la gamba sinistra a seguito di un incidente in moto. Sposato e papà di due bambine ha fondato l’associazione Progetto 22 per garantire supporto, motivazione e stimolo ai ragazzi attraverso esempi concreti e mediante il coinvolgimento diretto in attività di sviluppo e crescita, incontrando migliaia di studenti. Il 28 agosto 2018 è stato premiato a Mazara del vallo con l’Oscar dello sport, esattamente 28 anni dopo l’incidente.

Per informazioni
http://www.viaggingamba.it/
https://www.facebook.com/viaggingamba/?ref=br_rs
info@viaggingamba.it

Fonte publics consultants

.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti