Bard Boulder Contest - Forte di Bard - 18-20.4.2008

Di GIANCARLO COSTA ,

ALberto Gnerro
ALberto Gnerro

La prima edizione del Bard boulder Contest si è conclusa lo scorso week-end[inline:forte_di_bard.jpg] regalando tante emozioni a tutti i partecipanti. Sotto la protezione delle mura del Forte di Bard il popolo verticale si è dato appuntamento sfidando per prima la meteo sfavorevole.

Già da venerdì sera sotto una incessante pioggia erano molti gli appassionati che si sono presentati alla conferenza stampa presso la sala "Archi Candidi" del Forte di Bard. Un occasione per i presenti di approfondire la nascita del Bard Boulder Contest con gli organizzatori dell'evento e i climbers presenti tra i quali Patrick Edlinger, Alberto Gnerro, Giovanna Pozzoli e Fabrizio Droetto.

Continua..In tale occasione è stato conferito il premio Cassin "Dahu" ad Alberto Gnerro per il suo impegno condiviso con Marzio Nardi e Cristian Brenna nella scoperta e valorizzazione dell'area d'arrampicata del "Cubo".

Sabato mattina alle prime luci dell'alba le nuvole venivano allontanate dal vento facendo posto al sole. I ragazzi dell'associazione "Topo Pazzo Climbing" vero motore organizzativo del evento, insieme a Marzio Nardi e Alberto Gnerro si sono prodigati per accogliere tra i massi tutti gli appassionati di questa disciplina.

Di li a poco le rocce ed il bosco si sarebbero scaldate ed animate di arrampicatori italiani e stranieri pronti a urlare prima, dopo e durante le loro realizzazioni.

Una moltitudine di crash-Pad indirizzati dalla piantina dei blocchi e dalle belle indicazioni in legno si sono posizionati alla base dei massi nuovi e vecchi, facili e difficili, puliti e resi accessibili per l'occasione dal contributo della forestale che come archeologi hanno portato alla luce veri e propri gioielli dimenticati dal tempo.

Proprio il tempo scorre ed inesorabilmente anche la pelle delle dita si consuma, su queste piccole strutture di pietra. Per accedere alla prestigiosa finale al Forte di Bard occorre risolvere il maggior numero di blocchi tra quelli proposti 6 per gli uomini e 5 per le donne. Il livello dei partecipanti è alto, basti pensare che la maggior parte dei massi viene salito.

E' ormai sera quando il vento nostro alleato in mattinata cala e lascia spazio alla parte finale della competizione. Quello che ha sorpreso un po' tutti è lo splendido scenario in cui ha luogo: la Piazza delle Armi nel cuore protetto del Forte di Bard. Le strutture artificiali su cui si svolge la competizione si stagliano colorate ed illuminate a giorno in fondo alla piazza, tutto intorno un brulicare di persone zittite solo dalla polenta e dal famoso lardo di Arnad preparato dalla pro-loco dell'omonimo paese.

La serata è un tripudio al bouldering, i più bravi si sfidano a duello cadendo uno dopo l'altro sotto gli incantesimi dei tracciati e la magia (nera) delle poche prese da agguantare.

I "Forti" del Forte che si spartiranno il ragguardevole bottino di 3600€ saranno per gli uomini Alessandro Catalano "Catabulder" che più di tutti indovina e stringe la sequenza di "presine" tallonato da vicino da Gualtieri Marco alias "Papa" e Paolo Leoncini. Da menzionare tra tutti i finalisti Diego Sirtori che con la sua prestazione lascia nel ricordo di tutti lo stridore della sua unghia persa in battaglia.

Per le donne trionfo di Giulia Giammarco, l'unica a chiudere il blocco di finale seguita da Stefania De Grandi e Giovanna Pozzoli queste ultime si scoprirà in seguito ben massaggiate prima della partenza.

La serata è proseguita con musica dal vivo e una luna piena che ha fatto capolino tra le mura regalandoci scorci medioevali del forte ed un paesaggio "cartolina" con vista mozzafiato sulla Valle.

Siamo ai ringraziamenti, tutto questo è stato possibile grazie alla passione e alla "lucida follia" di una ragazza appassionata Roberta Puliti del "Paretone" che insieme ad Emanuele Gerli della Cassin S.r.l. hanno dato vita a questo sogno iniziato con la nascita dell'Associazione Sportiva "Topo Pazzo climbing". Sogno che non si sarebbe potuto realizzare senza il contributo dell'Assessorato regionale al Turismo e allo Sport della Regione Autonoma Valle d'Aosta, dell'associazione Forte di Bard e del comune di Arnad. Alle aziende che hanno aderito e hanno messo in palio premi ad estrazione durante la giornata di domenica, piovosa, ma non per questo povera di partecipanti ed entusiasmo.

(Comunicato e foto atleti Ufficio Stampa Forte di Bard)

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti