Camandona ed Andreola in vetta al McKinley

Di GIANCARLO COSTA ,

La-salita-per-la-West-Rip.jpg (Foto www.sportmilitarealpino.it)
La-salita-per-la-West-Rip.jpg (Foto www.sportmilitarealpino.it)

La spedizione delle Guide Alpine Valdostane e del Centro Sportivo Esercito di Courmayeur raggiunge i primo parziale successo, con la cordata composta da Marco Camandona  ed Elia Andreola che è salita al Mckinley attraverso la West Rib.

Le pessime condizioni metereologiche, hanno costretto la spedizione a cambiare momentaneamente obbiettivo, quindi per ora niente "Cresta Cassin", ma salita per la West Rib.

La West Rib è una dura via di misto e roccia che si snoda lunga il versante più occidentale e che giunge alla punta dopo uno sviluppo importante. Condizioni veramente proibitive con 40° sottozero e vento forte.

L'altra cordata formata da Marco Farina e Matteo Giglio, aveva come obbiettivo la salita seguendo la via normale alla punta, ma ha dovuto rinunciare a causa del vento troppo forte.

Ritornati al campo base i quattro alpinisti aspetteranno una finestra di bel tempo per cercare di salire la "Cresta Cassin".

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti