Cambiamenti climatici: studio sullo scioglimento dei ghiacciai alpini

Di GIANCARLO COSTA ,

Il lago del Sorapis (foto GM)
Il lago del Sorapis (foto GM)

Prevista una nuova iniziativa, finanziata dall’azienda trentina Calze GM, che prevede l’aggiunta del ghiacciaio nero dolomitico del Sorapìs, situato in Veneto, ad una importante linea di ricerca del MUSE.

A causa del riscaldamento globale, negli ultimi anni si sta assistendo alla riduzione areale e volumetrica dei ghiacciai e all’aumento delle porzioni di roccia emergenti dalla loro superficie. In breve, i ghiacciai "bianchi" - o "debris free" - stanno evolvendo in ghiacciai neri - o "debris covered" - ovvero ghiacciai ricoperti da detriti rocciosi.

Una delle linee di ricerca principali del MUSE - Museo delle Scienze di Trento, è proprio quella di approfondire gli effetti prodotti dai cambiamenti climatici sull’arco alpino italiano.
A riguardo è in programma per l’estate del 2017, lo studio del ghiacciaio nero dolomitico del Sorapìs (BL): un piccolo ghiacciaio esteso per circa 19 ettari di superficie situato sul versante nord dell’omonimo gruppo montuoso, raggiungibile dal Passo Tre Croci.

Tale progetto sarà condotto dai ricercatori del MUSE, Christian Casarotto e Mauro Gobbi, in collaborazione con Marco Caccianiga dell’Università degli Studi di Milano. Inoltre, l’iniziativa sarà sostenuta attivamente anche dall’azienda trentina Calze GM, da sempre attenta alla salute del pianeta.

Molteplici gli obiettivi stabiliti: dal punto di vista glaciologico si proverà a determinare il movimento tramite strumentazione GPS, il tasso di fusione e lo spessore del detrito del ghiacciaio; dal punto di vista biologico, i ricercatori studieranno ed effettueranno un censimento delle comunità di insetti e piante che vivono sulla superficie del ghiacciaio e sulle morene che lo circondano, per comprenderne la biodiversità, gli adattamenti e il rischio di estinzione che comporterebbe anche mutamenti nella alimentazione degli uccelli migratori.
Al termine, effettuati i rilevamenti, seguirà la parte di elaborazione dei dati che verrà svolta presso i laboratori di ricerca del MUSE.

Fonte G.M Sport

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti