Campionati Mondiali Canoa Junior e Under23 Ivrea: oro di Jacob Weger nel kayak, argento di Marta Bertoncelli nella C1 donne Junior

Di GIANCARLO COSTA ,

Jacob Weger nel kayak (foto organizzazione)
Jacob Weger nel kayak (foto organizzazione)

Terminano nel miglior modo per i colori italiani gli ICF Canoe Slalom Junior & Under23 World Championships. E’ stata una settimana di grande competizione, di festa sportiva e di organizzazione impeccabile, che laurea l’Italia e Ivrea come una delle capitali mondiali della canoa slalom. Grazie a questo successo, avendo Rio De Janeiro appena annunciato di rinunciare a organizzare i Mondiali il prossimo anno, Ivrea lancia la propria candidatura a ospitare i World Championship Junior e Under 23 del 2019.

Cronaca delle gare di domenica

E’ l’azzurro Jakob Weger il Campione del Mondo 2018 nel K1M di canoa slalom Under 23. Con una discesa all’attacco, in un tempo fulminante di 77.22, l’atleta altoatesino sbaraglia la concorrenza e conquista il gradino più alto del podio. Alle sue spalle il britannico Bradley Forbes-Cryan, medaglia d’argento, dietro di soli quattro centesimi di secondi, a 77.26, e Erik Holmer, Svezia, medaglia di bronzo, che chiude a 80.85. Decimo l’altro azzurro in finale, l’eporediese Davide Ghisetti, penalizzato dal salto di una porta.
Grande è stato l’entusiasmo del pubblico allo Stadio della Canoa di Ivrea che, con il suo tifo ha spinto l’atleta di Merano porta dopo porta fin oltre il traguardo. “Non credevo proprio di vincere”, ha detto Jakob Weger intervistato subito dopo la vittoria. “Sono lontano dal pieno della forma perché ho dovuto preparare gli esami di maturità. Mi ha assistito la tecnica, che è importantissima nella canoa slalom, e poi sono riuscito a mantenere alta la concentrazione fino al traguardo”.
Nel pomeriggio è salita sul podio anche Marta Bertoncelli, ferrarese, che ha vinto la medaglia d’argento dietro alla campionessa del mondo, Gabriela Satkova, della Repubblica Ceca, e davanti alla slovacca Sona Stanovska, medaglia di bronzo.

Medagliere

Con l’oro e l’argento di oggi si completa il medagliere del team azzurro, che ha totalizzato in totale 7 medaglie, e in particolare:
Oro K1M U23 - Jakob Weger
Oro C2 misto Junior - Elena e Flavio Micozzi
Argento C1M U23 - Raffaello Ivaldi
Argento C1M Junior - Flavio Micozzi
Argento C1W Junior - Marta Bertoncelli
Argento gara a squadre K1M U23 - Marcello Beda, Davide Ghisetti, Jakob Weger
Bronzo gara a squadre K1W Junior - Francesca Malaguti, Marta Bertoncelli, Elena Borghi

Le dichiarazioni

“Le medaglie di oggi insieme a quelle conquistate nel giorni scorsi danno lustro al grande lavoro fatto per l’organizzazione di questi Mondiali”, sottolinea Luciano Buonfiglio, presidente della Federazione Italiana Canoa Kayak. “Vincere in casa vale doppio, e abbiamo vinto per tutti, anche per quelli che non hanno preso una medaglia, perché questo è il significato di essere una squadra. Questi successi sono dei nostri atleti, dei loro allenatori, delle loro affettuose famiglie e di tutti quelli che ci seguono con tanto entusiasmo. Chiudiamo un Mondiale p o s i t i v i s s i m o anche per l’inclusione che ormai la canoa rappresenta a Ivrea: credo che siamo ormai parte della città, anche grazie al fatto che l’amministrazione comunale, quella precedente e quella attuale, hanno capito veramente il valore che la canoa può portare a questo territorio. Negli ultimi quattro anni grazie al loro appoggio e a quello della Regione Piemonte, il comitato organizzatore, Associazione Proteina, con la collaborazione dell’Ivrea Canoa Club, si è impegnato al massimo, ottenendo come risultato la totale soddisfazione delle federazioni e degli atleti stranieri, che qui si sentono a casa: è un risultato che davvero ci pone in posizione di leadership organizzativa a livello mondiale.”

Profonda soddisfazione è stata espressa anche dall’assessore allo Sport della Regione Piemonte, Giovanni Maria Ferraris, grande e imprescindibile supporter del movimento di sviluppo della canoa slalom a Ivrea: “Questo campionato ci ha insegnato l’importanza di fare sistema con il territorio”, ha dichiarato Ferraris, “un territorio che ha saputo accogliere nel modo migliore i tanti ospiti. Determinante è stato il contributo di Regione Piemonte per la realizzazione di questo evento. Ho davvero apprezzato i colori del mondo in uno scenario rinnovato e sempre più coinvolgente. I giovani atleti presenti ci hanno davvero regalato tante emozioni e i nostri ragazzi azzurri anche dei podi importanti. Sono soddisfatto perché abbiamo registrato anche un grande entusiasmo di pubblico straniero e raccolto il consenso della federazione internazionale sullo Stadio della Canoa nel centro di Ivrea. Dobbiamo proseguire nel segno della continuità, portando competizioni sempre più stimolanti e sfruttare tutto l’anno questo impianto, facendolo diventare punto di riferimento per il mondo sportivo.”

Sono già fissati alcuni importanti appuntamenti per i prossimi anni: nel 2022 Ivrea sarà nuovamente sede delle gare Mondiali Juniores e Under 23 di Canoa Slalom e nel 2020 organizzerà gli Europei assoluti di Discesa.
Inoltre, nel corso della conferenza stampa tenuta allo Stadio della Canoa a conclusione di questi Mondiali, il presidente Buonfiglio ha annunciato che sarà concretamente valutata la possibilità della candidatura di Ivrea a ospitare gli ICF World Championships Junior & Under 23 anche il prossimo anno, avendo Rio de Janeiro annunciato ufficialmente pochi giorni fa di rinunciare alla loro organizzazione.
Un deciso messaggio di disponibilità in questa direzione è immediatamente stato espresso sia dall’assessore Ferraris che dal sindaco della Città di Ivrea, Stefano Sertoli: “Questa non può che essere una buona notizia per la città, per il territorio e per tutto il movimento. Ringrazio sicuramente la Regione Piemonte della consueta disponibilità, la Federazione Italiana e tutta l’Organizzazione: siamo consapevoli che il lavoro fatto fa parte di un percorso di crescita e, nell’ottica che il percorso vada avanti e si arricchisca di nuovi appuntamenti fondamentali, non possiamo che garantire il massimo sforzo perché questo sogno possa realizzarsi. Siamo assolutamente disponibili a valutare la fattibilità di questa operazione.”

Al termine della conferenza ha preso la parola Claudio Roviera, presidente del Comitato Organizzatore Associazione Proteina. che ha sottolineato il grande sforzo profuso in questi anni: “Il successo di oggi è il risultato di un lavoro cominciato nel 2014, che ha richiesto un impegno totale da parte di tutti. Ci prendiamo il tempo necessario a concludere questa edizione e a fare un bilancio con tutti gli attori coinvolti, dalle istituzioni, agli sponsor e agli indispensabili volontari. Dopo di che, se la Federazione confermerà un reale interesse non potremo che prendere concretamente in considerazione la possibilità di farci carico dell’organizzazione dei mondiali nel 2019.”

Risultati gare di domenica 22 luglio

C1 donne U23
medaglia d'oro e campionessa del mondo Nadine Weratschnig, Austria
medaglia d'argento Kimberley Woods, Gran Bretagna
medaglia di bronzo Noemie Fox, Australia
K1 uomini U23
medaglia d'oro e campione del mondo Jacob Weger, Italia
medaglia d'argento Bradley Forbes-Cryans, Gran Bretagna
medaglia di bronzo Erik Holmer, Svezia
C1 donne Junior
medaglia d'oro e campione del mondo Gabriela Satkova, Repubblica Ceca
medaglia d'argento, Marta Bertoncelli, Italia
medaglia di bronzo, Sona Stanovska, Slovacchia
K1 uomini Junior
medaglia d'oro e campione del mondo Jan Barta, Repubblica Ceca
medaglia d'argento Anatole Delassus, Francia
medaglia di bronzo Toms Zima, Repubblica Ceca

Fonte organizzazione

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti