Censimento invernale degli stambecchi in Val Troncea

Di GIANCARLO COSTA ,

Stambecco
Stambecco

Sono un'ottantina gli stambecchi censiti nel Parco Naturale della Val Troncea.

Lo scorso dicembre 2015, il personale di vigilanza del Parco naturale Val Troncea ha effettuato il censimento invernale della specie stambecco, operazione che si svolge con cadenza annuale dal 2006.

L'area monitorata corrisponde all'intera area di svernamento utilizzata dalla specie in Val Troncea, e si estende su 485 ha, compresi tra l'alpeggio della Lendenniere ed il vallone del Fauri.
La quasi totale assenza di una copertura nevosa ha influenzato lo spostamento degli animali, che quest'anno si sono concentrati nei quartieri invernali del Parco in modo insolito. Sono stati contattati 79 esemplari così suddivisi: 20 capretti, 9 yearling, 24 maschi e 26 femmine

La popolazione di stambecco Capra ibex del Parco naturale Val Troncea ha origine da una reintroduzione di 12 animali provenienti dal Parco nazionale del Gran Paradiso avvenuta tra il 1987 e il 1988. Questo nucleo iniziale ha consentito lo sviluppo delle colonie attualmente presenti nelle confinanti valli Germanasca e Argentera, e ha permesso il ritorno della specie nel settore alpino compreso tra il Queyras (Francia) e le valli Pellice e Po. Dal 1996 la popolazione viene monitorata annualmente per mezzo di un censimento estivo (luglio) e, dal 2006, con un censimento invernale nel mese di dicembre.

Il Parco naturale della Val Troncea fa parte del "Gruppo Stambecco Europa" (GSE), nato nel luglio 1988 con l'intento di raccogliere dati relativi allo stato di conservazione dello stambecco sull'intero arco alpino.

Fonte Piemonte Parchi

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti