Si chiudono con successo gli Eporedia Active Days 2013

Di MARCO CESTE ,

Eporedia Active Days 2013
Eporedia Active Days 2013

Si è chiusa ieril'edizione 2013 degli Eporedia Active Days. Il sole ha baciato anche l’atto conclusivo degli EAD, che per l’ennesima volta hanno fatto registrare un pienone di pubblico e di consensi. Migliaia le persone che nelle quattro giornate di gare hanno assistito alle varie discipline e grande apprezzamento da parte degli atleti e degli addetti ai lavori.

Lo Stadio della Canoa si è svegliato presto ieri mattina, per accogliere gli oltre cento iscritti alla prima edizione della Active Run. Gli atleti si sono misurati su un tracciato di circa 17,5 chilometri, che prevedeva un misto di tratti su asfalto e sterrato. Un percorso che, a detta dei runner stessi, si è dimostrato molto tecnico e interessante e lungo il quale non sono mancate le difficoltà.

Nella gara maschile, vittoria per due atleti, giunti sul traguardo appaiati: Marco Betassa ed Enzo Mersi, entrambi dell’Atletica Monterosa, con il tempo di 1h10’56”. Terzo gradino del podio per Lorenzo Costamagna del Canavese 2005 con 1h15’15”. Fra le donne, ancora un successo di coppia: Rosa Orlarei dell’Atletica Pont Donnas e Carmela Vergura della Valetudo Skyrunning tagliano il traguardo insieme in 1h34’34”. Terza Paola Buzzetti del Canavese 2005 con 1h35’43”.

Dopo la Active Run, divertimento puro per i più piccoli con la Junior Bike, alla quale hanno preso parte decine di bambini.

Sono poi proseguite le prove di kayak, con il Boater Cross che ha determinato la classifica definitiva della specialità. A portarsi a casa la vittoria è stato il neozelandese Jamie Sutton, davanti all’azzurro Michele Ramazza e al russo Egor Voskoboyniko.

A chiudere come ogni gli Eporedia Active Days, la finale di Coppa Italia di Boulder. Nella gara femminile, vittoria di Andrea Ebner dell’AVS Sektion Brixen, davanti a Martina Zanetti dell’Arco Climbing e Alexandra Ladurner dell’AVS Sektion Meran. Fra i ragazzi, successo di Marcello Bombardi del B-Side Torino, che si piazza davanti a Mikael Piccolruaz dell’AVS Sektion Meran e Stefano Ghisolfi delle Fiamme Oro.

Claudio Roviera, presidente del Comitato Organizzatore degli Eporedia Active Days, ha espresso un caloroso e sincero ringraziamento a tutti coloro i quali, con i loro sforzi, hanno reso anche quest’anno possibile lo svolgimento di questa spettacolare manifestazione di sport outdoor. In particolare, Roviera ha ringraziato gli sponsor e i volontari.

Di grande impatto è stata la scelta di portare il kayak in Valle d’Aosta, presso il comune di Pontboset, con il quale si è instaurato un ottimo rapporto di collaborazione che senza dubbio durerà anche in futuro.

Da sottolineare, la sportività di tutti gli atleti che hanno preso parte alle varie gare, i quali hanno gareggiato con onestà e spirito sì competitivo, ma anche con tanta voglia di divertirsi. Atleti, i quali al termine di ogni prova hanno ringraziato gli organizzatori per lo splendido lavoro svolto, che ha fatto sì che l’evento si svolgesse senza alcun intoppo.

Dopo questo bellissimo successo targato 2013, gli Eporedia Active Days danno appuntamento a tutti al prossimo anno.



Può interessarti