Confermate per l’estate 2020 le prenotazioni per la Capanna Carrel sul via del Cervino

Di GIANCARLO COSTA ,

Cervino tramonto
Cervino tramonto

Confermato anche per l'estate 2020 la modalità di prenotazione obbligatoria per chi vorrà pernottare alla Capanna Carrel, bivacco di proprietà della Società Guide del Cervino, situata sulla via normale italiana di salita al Cervino denominata “ Cresta del Leone”.
Il risultato positivo della scorsa stagione nella regolamentazione dell'afflusso alla Capanna Carrel, unito alla gestione del post emergenza Covid-19 che ha ridotto del 50% il numero di posti letto per per garantire il distanziamento ha reso necessario il sistema di prenotazione che sarà gestito direttamente dall'Ufficio Guide, sito a Breuil-Cervinia.
Inoltre, per l'accesso sarà obbligatorio indossare la mascherina. In loco non ci sarà più alcun tipo di stoviglie ma solo il fornello a gas e saranno istituiti dei turni per la preparazione dei pasti.
Per motivi igienici sarà necessario portare il sacco a pelo personale o il sacco lenzuolo.
La Capanna Carrel sarà presidiata da una guida alpina che avrà il compito di controllare le prenotazioni, garantire la pulizia, sanificare regolarmente le aree comuni, il dormitorio e assegnare il posto letto.
Per i clienti delle Guide del Cervino è a disposizione un'area riservata per il ristoro.

La Capanna Carrel è a 3.830 metri - raggiungibile con il superamento di passaggi alpinistici – ed è punto di sosta per gli alpinisti, tra la prima e la seconda giornata di scalata ai 4.478 m della vetta del Cervino. Inaugurata nel 1969 è stata poi in parte ristrutturata e ingrandita negli ultimi decenni. Intitolata a Jean-Antoine Carrel, primo scalatore del Cervino lungo la cresta Sud-Ovest.
La salita per la Cresta del Leone al Cervino è un itinerario alpinistico dove l'esperienza e il buon allenamento sono indispensabili. Le prime difficoltà alpinistiche si incontrano prima della Capanna Carrel, per questo si consiglia la progressione in cordata.

Non c’è l’acqua corrente e scarseggia anche la neve da fondere, né vi sono i servizi igienici, né provviste alimentari, se non le necessarie per le emergenze.

La prenotazione del pernottamento può essere effettuata all'Ufficio Guide del Cervino via mail scrivendo a info@guidedelcervino.com e prevede un’offerta minima di €30 per gli alpinisti (€15 per le guide alpine) da versare all'atto della prenotazione previo accordi con la segreteria delle guide del Cervino. Eventuali disdette dovranno altresì essere comunicate per tempo. Le suddette direttive saranno applicate non solo nel periodo estivo di maggior affluenza, ma durante tutto l’anno: sarà, quindi, buona norma, verificarne agibilità e disponibilità.

La Società delle Guide del Cervino precisa, che le somme ricevute saranno destinate alla gestione e manutenzione della capanna e a tutte le spese ordinarie come, ad esempio, il trasporto del gas portato su in elicottero, lo smaltimento dei rifiuti e la manutenzione sia della struttura sia degli ancoraggi e delle corde fisse (disponibili per tutti gli alpinisti) sulla via normale italiana che periodicamente devono essere verificate e sostituite.

Fonte Top1 Communication

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti