In cordata con Hervè Barmasse

Di GIANCARLO COSTA ,

In cordata con Herve Barmasse (foto omnia)
In cordata con Herve Barmasse (foto omnia)

Avere Hervé Barmasse come guida per l’ascesa al Breithorn occidentale è un po’ come poter palleggiare a Wimbledon con Federer o salire in moto con Valentino Rossi ad Assen. A salire con lui, domenica scorsa, dal Plateau Rosa (3.500 m) fino ai 4.162 m della vetta, sono stati alcuni giornalisti, selezionati per le loro adeguate capacità escursionistiche in quota in quella che si può definire la “puntata zero” di un progetto fortemente voluto dallo stesso 39enne atleta del Team The North Face e dal Consorzio Cervino Turismo.
“L’idea è nata per far provare certe esperienze alle persone che mi apprezzano e mi seguono con, in più, la possibilità di raccontare loro al meglio, direttamente e in quota, la montagna in tutti i suoi aspetti”.

Del progetto è già stata pianificata una “puntata 1” per lunedì 7 agosto, quando, nel corso della serata-evento di cui l’alpinista valdostano sarà protagonista al Cervino CineMountain Festival, verranno sorteggiati alcuni posti per l’escursione in programma il giorno dopo – su un percorso ancora da stabilire – e durante la quale Barmasse avrà come compagni di ascesa, oltre ad altri giornalisti, persone di cui anche in questo caso dovrà essere verificata l’attitudine a uscite in alta montagna.
“L’esperienza sul Breithorn è stata molto positiva”, ha commentato Barmasse, accompagnato nella salita dal padre Marco, anche lui guida alpina. “L’obiettivo, da parte mia, non era quello di insegnare, ma di confrontarmi con giornalisti che abitualmente scrivono di montagna per capire meglio come posso comunicare i miei progetti e il mio modo di intendere l’alpinismo. E poi, da parte mia, c’è la volontà di rilanciare un territorio meraviglioso come quello della Valtournenche e della Valle d’Aosta non solo dal punto di vista dello sci”.

La montagna non è certo un argomento che si può esaurire in una serata-evento e in un’escursione di un giorno, così, già il 7-8 agosto, Barmasse vorrebbe modificare l’obiettivo della gita: “Dovremo cercare di procedere per argomenti. Potranno essere le imprese in quota o il professionismo, il rischio ma anche l’allenamento o l’alimentazione”. Durante l’escursione del Breithorn, tra gli argomenti toccati, anche l’etica e i valori dell’alpinismo, così come la differenza tra lo stile himalayano e quello alpino.
“E la prossima volta, durante le ore dell’escursione, potremo dibattere insieme della bellezza di questi luoghi come gli incidenti o l’esaltazione della fatica. Tempo fa, apprezzando la mia ‘capacità di trovare l’avventura sulle Alpi e non solo in Himalaya, Reinhold Messner parlò anche di ‘giovani che fanno cultura dell’alpinismo’. Ecco, questo progetto io l’ho pensato soprattutto per questo motivo”.

Fonte u.s. Omnia

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti