Cristina Castagna sale in vetta al Makalu - 12.5.2008

Di GIANCARLO COSTA ,

Continuano le performance femminili in montagna. La giovane alpinista vicentina è la prima donna italiana a salire gli 8462 metri della vetta himalayana, senza l'uso di bombole con l'ossigeno.

Partita poco dopo la mezzanotte dall´ultimo campo in compagnia di Giampaolo Casarotto, ha raggiunto gli 8.462 metri del Makalu alle 11 locali, nel cuore di una splendida mattina di sole, ma estremamente fredda, Infatti a causa delle basse temperature Cristina ha accusato un principio di congelamento ai piedi, da quale s'è ripresa con l'aiuto di 2 alpinisti brasiliani. Anche il compagno di avventura, Gianpaolo Casarotto, è giunto in cima.

La spedizione di Cristina Castagna era partita dall´Italia il 31 marzo scorso per conquistare la vetta che sta a metà tra il Tibet e il Nepal. Il Makalu è la quinta montagna più alta della Terra ed è entrata nel mirino della giovane alpinista veneta che è diventata l´unica donna italiana ad aver conquistato il "Grande Nero", così chiamato dai tibetani per via delle rocce scure che lo compongono.

La carriera alpinistica di Cristina Castagna è piuttosto recente, ma già ricca di grandi risultati. Nel 2003 dopo aver scalato diversi 4000 nelle Alpi conquista l´Aconcagua, la cima più alta del sud America, 6962 metri. Nello stesso anno le arriva una straordinaria opportunità: l´Everest, che salirà fino a quota 7800 metri. Sarà una resa che non lascerà amarezza, bensì scatena in lei la voglia di Himalaya. E così nel 2004 raggiunge dal Tibet la cima centrale (8013 metri) dello Shisha Pangma, e all´età di 27 anni, può fregiarsi di essere la più giovane donna italiana ad aver conquistato un 8000. L´anno successivo mette il piede sulla vetta del Gasherbrum II (8035 metri) e nel 2006, in un´altra spedizione himalayana, arriva a quota 8120 sul Lhotse, dove a causa del freddo e di un principio di congelamento, è costretta a rinunciare. Nel 2007 la vicentina torna su una vetta himalayana con la salita ai 8167 metri del Dhaulagiri.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti