Embrunman: William Mennesson e Judith Corachan vincono l'Iron Man di Embrun

Di GIANCARLO COSTA ,

William Mennesson vincitore Embrunman (foto boukla activ images)
William Mennesson vincitore Embrunman (foto boukla activ images)

E’ considerato il triathlon più duro del mondo quello che si corre da 36 anni in Francia, a Embrun, il giorno di Ferragosto. 3,8 km di nuoto nell’omonimo lago, seguiti da 188 km in bici con la scalata al mitico col d’Izoard e la maratona finale, 42,195 metri tutt’altro che piatti. Una gara con 3 sport diversi è una sfida importante, ma questa per distanze e dislivello la rende mitica: 232 km per veri “Iron Man”.
Si aggiudica questa edizione dell'Embrunman il francese William Mennesson in 9h48'06'', che nel finale resiste al ritorno del Croato Andrej Vistica che termina in seconda posizione in 9h52'14'', con il podio completato dallo spagnolo Victor del Corral in 9h53'49''. Per il vincitore Mennesson questi i parziali: nuoto 3,8 km in 50'59”, bici 186 km in 5h46'48” (la salita al col d'Izoard in 50'34”), la maratona 42,195 km in 3h06'43'”.

Nella gara femminile vittoria della spagnola Judith Corachan in 10h54’07”, seconda la belga Tine Deckers in 11h00’30” e terza la connazionale Alexandra Tondeur in 11h05’57”.

Vista la vicinanza con l’Italia, Embrun è anche una sfida per i triatleti italiani. I migliori italiani in gara in questa edizione sono stati Marco Corti 14° in 10h38’49”, Francesco Dutto 58° in 11h46’35” e Lorenzo Facelli 100° in 12h24’21”. Prima delle italiane in gara Maria Angioni, 33a in 14h05’47”.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti