Eporedia Active Days: immagini ed emozioni della terza giornata di corsa, bici, parcour, slackline, kayak e bouldering a Ivrea (TO)

Di GIANCARLO COSTA ,

Eporedia Active Days Paola Gianotti guida la Junior Bike la pedalata per bambini a Ivrea
Eporedia Active Days Paola Gianotti guida la Junior Bike la pedalata per bambini a Ivrea

Terza e ultima giornata agli Eporedia Active Days, evento multisportivo organizzato a Ivrea con base allo stadio della canoa, a parte la prima giornata nel fiume Ayasse a Pontboset in Valle d'Aosta.

Gran finale quello di oggi domenica 14 giugno, risparmiato dal maltempo nonostante le pessime previsioni, per una giornata che ha regalato sia a chi gareggiava, che a chi era venuto ad assistere in qualità di spettatori, momenti di sport bello e spettacolare. Sono stati 3 giorni in cui nelle varie discipline, agonistiche e non, si sono cimentati circa 500 atleti di tutti gli sport. Kayak, corsa per grandi e bambini, bouldering per grandi e bambini, bicicletta per bambini e ragazzi, parcour, slackline. Un successo per il comitato organizzatore presieduto da Claudio Roviera, un successo che ha premiato il lavoro di tanti volontari che non solo in questi 3 giorni, ma anche nelle settimane precedenti si sono dedicati anima e corpo per la riuscita di questa manifestazione.

Oggi la giornata è stata aperta dalla corsa, della quale parleremo a parte in runningpassion.it, poi si è pedalato per una dozzina di chilometri nel territorio eporediese, tra città, fiume e campagna, con un'apripista d'eccezione, quella Paola Gianotti che ha compiuto il giro del mondo in bicicletta, e che a breve parteciperà alla gara di endurance bike “Trans-Siberian Extreme: da Mosca a Vladivostok”di 9200 km a tappe. Conclusa la pedalata, con gentilezza e disponibilità, ha messo a collo di tutti i bambini la madaglietta ricordo, una giornata che questi piccoli ciclisti ricorderanno a lungo.

Quindi è stata l'ora delle spettacolari discese in kayak per il boatercross, specialità in cui si scende in 4 contemporaneamente, con i primi che passano il turno fino alla finale, con le impetuose acque del fiume Dora che hanno contribuito a rendere ancor più spettacolare il tracciato. Qui vittoria di Ita 1 (Macchia, Ronda, De Dionigi), su Dragorossi Palude (Merini, Colombo, Balbonesi), terzi Ita 2 (Balbonesi, Bellotti, Fasoli) e quarti Dragorossi Mare (Codeluppi, Guidi, Farina).

Infine l'arrampica, con il “Memorial Tito Traversa Boulder Contest” per i ragazzi fino a 14 anni, un omaggio che tanti piccoli arrampicatori hanno reso al loro coetaneo, campione in erba di questo sport, scomparso per un incidente in falesia, ma il cui ricordo è mantenuto vivo dalla comunità degli arrampicatori. Il tempo ballerino ha costretto in questi due giorni ad alternate l'arrampicata tra la parete costruita allo stadio della canoa e la palestra K3 dedicata all'arrampicata.

Va in archivio questa tre giorni multisportiva, che ormai è un raduno per la gente, praticanti e spettatori, che così riscopre questo incantevole angolo di Ivrea, lo stadio della canoa e la sua area attrezzata, per gli outdoor games.

Ora, non resta che dare appuntamento al 2016, con un'edizione che sarà nuovamente ricca di sorprese e di spettacolo.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti