European Master Games Lignano: Michela Gorini e Ivo Doglia vincono aspettando la finale di Beach maschile

Di DAVE ,

IMG 9336
IMG 9336

Un'altra grande giornata di sport a Lignano Sabbiadoro per gli European Master Games 2011, prima vera edizione della manifestazione internazionale dopo la prova generale di Malmoe del 2008.

Tra le tante gare in programma oggi i fari erano puntati sul ciclismo, sull'orientamento e sul beach volley.

Partiamo con il beach volley, dove la coppia azzurra, Bertoli-Cantagalli ha conquistato la finale di domani (ore 11.00) non senza fatica, gli azzurri infatti sono stati messi sotto dalla coppia russa Tkachenko-Butrimov, nel primo set la coppia italiana sotto per 5-16 ha saputo recuperare lo svantaggio, ma non e' bastato per conquistare il set, da l¡ in avanti pero non c'e' stata storia e i due hanno conquistato il secondo e il tie break.

Nella gara femminile invece le brasiliane Grutzmacher e Bernstorff hanno conquistato la finale femminile ancora una volta con una coppia russa.

A Fontanafredda, circa 70km dal Lignano Sabbiadoro, sono andate in scena le prime gare di ciclismo su strada con la gara riservata alle donne e i master maschili da M5 a M8 partita alle 14 e la gara riservata agli uomini delle categorie M1, M2, M3 ed M4.

Sotto un caldo e un'umidita soffocante ad avere la meglio nella prima gara e stato Ivo Doglia, alle sue spalle Luciano Guidolin e Riccardo Tarlao che hanno avuto la meglio nello sprint finale su altri atleti.

Per Doglia una gara condotta egregiamente, fuggito subito allo start e' stato recuperato e si e' gestito studiando gli avversari prima di lanciare l'attacco decisivo a circa 600m dal traguardo cogliendo di sorpresa gli avversari incapaci di reagire.

Tra le donne bellissima prova per Michela Gorini, fresca Campionessa del Mondo di categoria, arrivata quinta assoluta sul traguardo dopo aver provato anche a vincere la gara negli ultimi chilometri.

Da segnalare che il percorso di 8,4km non presentava particolari tratti impegnativi, completamente pianeggiante l'unico nemico potevano essere le curve secche che infatti hanno costretto al ritiro un'atleta tedesca, caduta nel corso del secondo giro quando era nel gruppo di testa con gli uomini, per lei probabile lussazione della spalla destra.

Domani si concluderanno le gare di ciclismo con le prove a cronometro.

Per quanto riguarda l'orientamento invece le gare in programma erano diverse con atleti impegnati sia a Lignano nel parco Hemingway che a Sgonico nell'altopiano sopra Trieste.

A dominare la gara di Sgonico sono stati gli atleti ucraini con otto medaglie vinte su quindici in palio, due ori per l'italia con Roland Pin e Clizia Zambiasi.

Nel Parco Hemingway, nel pomeriggio, era in programma la prova di orientamento di precisione, consisteva in un percorso fatto di sei postazioni in cui agli atleti in gara veniva chiesto di riconoscere una determinata lanterna. A vincere l'atleta con la miglior somma di tempi nel riconoscere l'obiettivo in ogni singola tappa.



Può interessarti