A Gressoney-La-Trinitè s'è disputato il Bard Boulder Contest e la terza prova di Coppa Italia Boulder

Di GIANCARLO COSTA ,

La fotogallery della gare di Boulder di Gressoney La Trinitè (foto account fb Alberto Gnerro)
La fotogallery della gare di Boulder di Gressoney La Trinitè (foto account fb Alberto Gnerro)

La bella piazza di Gressoney-La-Trinitè ed il numeroso pubblico coinvolto hanno fatto da cornice alla quarta edizione del Bard Boulder Contest ed alla terza prova della Coppa Italia di boulder. Le gare, in programma per gli scorsi 9 e 10 agosto e rinviate a causa del mal tempo, si sono svolte sabato 23 e domenica 24 agosto. La temperatura rigidina delle mattine ha messo a dura prova le dita dei motivati boulderisti.

Nella giornata di sabato alle 15.00 si è tenuto il Bard boulder Contest, che ha visto al via numerosi partecipanti che hanno dato vita ad una intensa battaglia per risolvere i problemi proposti dal tracciatore d’eccellenza “Doctor” Alberto Gnerro , ideatore di passaggi di ogni difficoltà, originali e di non semplice interpretazione, dove non sempre la forza la fa da padrona, ma servono tecnica, precisione ed intuito.

Terminate le tre ore a disposizione, durante le quali gli atleti hanno gareggiato per raggiungere e tenere con entrambe le mani la presa top di ogni blocco, hanno avuto inizio le finali maschili e femminili disputate dagli atleti che hanno saputo salire il maggior numero dei boulder proposti dai più “facili” ai più “difficili”.

Alla fine dei giochi la spuntano in campo maschile Marco Gozzi che sale sul gradino più alto del podio, secondo posto per Stefano Bettoli e terza posizione per Filip Babicz. In campo femminile è la biellese Giada Zampa ad aggiudicarsi la vittoria, seguita dalla torinese Federica Mingolla, terza posizione per Carola Calabrese.

Alle 12.00 di sabato ha preso il via la terza prova della coppa Italia che vede protagonisti i migliori esponenti di questa specialità.

Gli open hanno decretato i nomi degli atleti, che assieme ai prequalificati di diritto, hanno dato vita alle spettacolari gare di semifinale e finale della domenica.

I blocchi, sapientemente tracciati dal “guru dell’arrampicata” Alberto Gnerro e dell’esperto Leo Di Marino, hanno dato del filo da torcere ai giovani protagonisti di questo evento.

Al termine delle semifinali sei uomini e sei donne combatteranno per portarsi a casa la vittoria e il podio.

Uno spettacolare susseguirsi di tentativi da parte dei “big” ed un pubblico folto e partecipe hanno dato vita ad una finale mozzafiato. In campo maschile è Matteo Mosconi (Vertigine 1996 asd) ad aggiudicarsi la vittoria, seguito da Matteo Manzoni (Koren Valgadino), terza piazza per Marcello Bombardi (Bside Torino). In campo femminile Asja Gollo (C.U.S. Torino) sale sul gradino più alto del podio, seconda posizione per Giorgia Tesio (Posto di Blocco Boves), a seguire al terzo posto Giulia Alton (AVS Sektion Meran)

Sarà la palestra CARCHIDIO STROCCHI di FAENZA ad ospitare la prossima tappa della coppa Italia di boulder nelle giornate di sabato 13 e domenica 14 settembre 2014.

In allegato un po' di foto della manifestazione. Per le classifiche consultare il sito della F.A.S.I. www.federclimb.it

Di Barbara Belloro

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti