Il fotografo Stefano Unterthiner si racconta al Forte di Bard sabato 27 aprile

Di GIANCARLO COSTA ,

Il fotografo Stefano Unterthiner
Il fotografo Stefano Unterthiner

Una vita trascorsa sul campo con la macchina fotografica. Stefano Unterthiner racconta le sue avventure, in giro per mondo, per il National Geographic: dal Giappone al Cile, dall’Indonesia al Sud America. L’appuntamento è per sabato 27 aprile 2019, alle ore 15.30, nella sala Archi Candidi del Forte di Bard. Una grande testimonianza che aiuterà a scoprire il mondo della fotografia, ma anche a riflettere sul nostro rapporto con la natura e le altre specie.
Fotografo, zoologo e divulgatore, Stefano Unterthiner è autore di otto libri fotografici e abituale collaboratore del National Geographic Magazine. Le sue immagini sono pubblicate ed esposte in tutto il mondo e regolarmente premiate al Wildlife Photographer of the Year.

Ingresso gratuito con prenotazione obbligatoria. La partecipazione dà diritto al biglietto di ingresso ridotto per la mostra Wildlife Photographer of the Year.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti