Un morto sul Monte Mucrone a Oropa

Di GIANCARLO COSTA ,

Monte Mucrone Oropa
Monte Mucrone Oropa

Risultava scomparso da giovedì Riccardo Nerva di Cavaglia in provincia di Biella. Le ricerche si sono concentrate sulle montagne di Oropa, la stazione sciistica e l’omonimo Santuario, da sempre meta montana dei biellesi, in cui era stata trovata l’auto di Riccardo Nerva. Purtroppo quel che era una supposizione, dopo 2 giorni di ricerche da parte di Soccorso Alpino e Vigili del Fuoco, con elicotteri e unità cinofile, si è dimostrato realtà. Il corpo dello sfortunato giovane è stato trovato oggi domenica 30 dicembre sotto la parete Piacenza del Monte Mucrone.

Escursionista, corridore e appassionato praticante della montagna, era partito per un’escursione, attrezzato per affrontare la montagna invernale. Non si conoscono le cause dell’incidente, facile ipotizzare una scivolata su ghiaccio in un passaggio esposto, ma queste conclusioni saranno a carico delle autorità preposte alle indagini per ricostruire l'esatta dinamica dell'incidente in cui è morto il giovane escursionista di 28 anni.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti