Incidente mortale sulla ferrata Che Guevara in Trentino

Di GIANCARLO COSTA ,

Ferrata Che Guevara (foto Vie Ferrate)
Ferrata Che Guevara (foto Vie Ferrate)

Tragedia sabato 7 novembre sulla ferrata Che Guevara che porta in vetta al Monte Casale (quota 1630m), in Trentino. La vittima è Federica Marcolla, medico di 32 anni, caduta dalla grande parete rocciosa per oltre 200 metri. L’allarme è stato dato dal compagno di scalata.
Le indagini sull'incidente chiariranno se è dovuto a un cedimento dei materiali in uso, se nel punto della caduta la sfortunata giovane fosse o meno assicurata alla via ferrata .
Dall'inizio di novembre, come ogni anno a fine stagione estiva, la ferrata "Che Guevara" era formalmente chiusa fino alla riapertura prevista per marzo; un provvedimento che viene adottato ogni anno in relazione ai rischi ambientali, come neve e ghiaccio, presenti sulla via quando il clima si fa di tipo invernale. Nella giornata di sabato le condizioni climatiche erano ottime per una escursione in montagna, c’era sole e faceva caldo.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti