L'italia conquista l'oro nella staffetta mista

Di MARCO CESTE ,

la staffetta italiana
la staffetta italiana

Un oro conquistato con ampio vantaggio, dopo una gara di grandi emozioni, vissuta da protagonisti fin dall’inizio: Bravissima Bonin ad assicurare un facile avvio con la garanzia di una iniziale terza posizione, fantastico Fabian a condurre l’Italia in testa a tutti, splendida Mazzetti ad assicurare il prosieguo da leader, magnifico Steinwanter a segnare il distacco decisivo dagli inseguitori e volare solo al traguardo per la coquista dello storico titolo. Charlotte Bonin (G.S.Fiamme Azzurre), Alessandro Fabian (C.S.Carabinieri), Anna Maria Mazzetti (G.S.Fiamme Oro) e Matthias Steinwandter (C.S.Carabinieri) primi sul podio, con l’inno di Mameli e la bandiera italiana a chiudere questi giorni di gare, che hanno regalato al triathlon azzurro ed alla sua storia, oltre a questo meritato e sofferto Oro,  i successi dell’elite Mazzetti e dei paratriatleti Borgato, Ferrarin, Cuccuru e Riviera.  Ed un’Italia che dopo il bronzo conquistato lo scorso anno negli europei di Alanya, fa un salto in avanti e si aggiudica il prezioso oro in questa edizione 2014. Partita  la gara elite per l’Italia, con la prima frazionista, brava  Charlotte Bonin (GS.Fiamme Azzurre) che è riuscita a dare il cambio al termine della sua gara 3^ in classifica al successivo frazionista, il ‘capitano’ Alessandro Fabian (CS.Carabinieri). La classifica parziale vedeva prima l’Austria e la Germania, davanti agli azzurri con un vantaggio di circa 15’’ e l’Italia davanti di 2’’ all’Ungheria. Dalla T1 sempre in testa l’Austria, ma Fabian al fianco di Germania e Ungheria, pronto a dare filo da torcere nel prosieguo del ciclismo e nella corsa; bravissimo a trascinare l’Italia in testa alla graduatoria parziale, stravolgendo completamente  i ritmi e lo scenario della competizione ed a dare il cambio alla terza frazionista azzurra, Anna Maria Mazzetti (GS.Fiamme Oro). Bravissima, veloce e decisa, anche Mazzetti, abile a mantenere per tutta la gara, sempre con la Germania agganciata stretta, la prima posizione e per prima a dare il cambio all’ultimo suo frazionista Matthias Steinwandeter (CS.Carabinieri) con 5, 6 metri di vantaggio. Lo scenario dell’ultima decisiva frazione ha visto Italia e Germania in testa, dietro, a oltre 1 minuto, Gran Bretagna ed Ungheria, ancora più dietro Repubblica Ceca ed Ucraina. Grande responsabilità per il giovane Matthias Steinwandetr, uscito dalla T1 al fianco dell’avversario tedesco, ma con ben consolidato il distacco dai diretti inseguitori. Una gara ciclistica sempre fianco a fianco ed in ‘solitaria’ dei due, rispetto a tutti gli altri concorrenti, con collaborazione e dandosi cambi per tirare e continuare ad accumulare vantaggio. Usciti alla T2 velocissimi, preannunciando un finale spettacolare  verso il titolo europeo: così e’ stato con ‘Stein’ che dopo aver controllato ed allungato ed aver dato un importante strappo, dall’ultima curva prima del rettilineo del traguardo, lo si è visto uscire solo, primo e tranquillo, avanzare verso il nastro d’arrivo, atteso dagli altri suoi compagni, per vivere insieme tutti e quattro questa fantastica vittoria.

Fitri.it



Può interessarti