Itinerario Monte Albergian da Pragelato

Di GIANCARLO COSTA ,

Apertura Itinerario Albergian da Pragelato
Apertura Itinerario Albergian da Pragelato

INIZIO ESCURSIONE: Pragelato (TO - quota 1518 metri)
ACCESSO: Per arrivare a Pragelato, arrivando da Torino, prendere dalla tangenziale la direzione Pinerolo – Sestriere, risalire la Val Chisone fino a Pragelato. Alla prima rotonda a inizio paese, seguire le indicazioni per il parcheggio, ampio e comodo per l’escursione, in prossimità della pista per auto su ghiaccio invernale.
DISLIVELLO: 1523 metri circa
TEMPO: 3 h circa salita/discesa
PERIODO CONSIGLIATO giugno-ottobre
ATTREZZATURA: da escursionismo o skyrunning-corsa in montagna
CARTOGRAFIA: IGC n° 1:50000 n.1 Val di Susa Val Chisone

Descrizione itinerario Monte Albergian

L'itinerario Monte Albergian (quota 3041m) da Pragelato è una classica salita della Val Chisone. Da Pragelato, parcheggiare in prossimità della pista per auto su ghiaccio invernale, quindi attraversare ponte di legno che permette di passare sull’altra sponda del torrente Chisone.
Imboccare il sentiero diritto e ripido nel bosco (poco visibile e spesso chiuso dalla retificazione per il pascolo), il primo tratto è poco pulito tra rocce e vegetazione, comunque salire fino ad incontrare la mulattiera (sentiero 316) che proviene da Souchères Hautes. A questo punto imboccare la mulattiera svoltando a sinistra e seguirla fino ad una radura da cui si raggiunge la strada sterrata che porta all’alpeggio Prà d’Amont (quota 2000 circa)

Poco prima della bergeria sul lato destro della sterrata si trova una fontana, l’unico punto del percorso dove si può riempire la borraccia. Ripartire sulla sterrata e prendere a destra, senza arrivare alla bergeria, imboccando un sentiero all’inizio poco evidente. Poi il sentiero diventa evidente tra la vegetazione e le rocce, e con molti tornantini ripidi si sale velocemente verso la zona priva di vegetazione. Si arriva a una zona di cresta con pietraia, da cui si inizia a vedere la vetta dell’Albergian. Arrivati sotto il torrione sommitale il percorso si fa decisamente più ripido passando in mezzo a grossi blocchi e paretine, qui seguire il percorso che è stato segnalato con qualche bollo di vernice e qualche paletto di legno, fino ad arrivare alla pietraia finale sotto la croce di vetta, che si raggiunge con qualche passaggio usando le mani.

Dalla vetta ridiscendere a Pragelato seguendo l’itinerario di salita.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti