K2 - Broad Peak: nuovo rinvio per la spedizione valdostana formata da Cazzanelli, Camandona, Favre, Ratti, Perruquet e Jacquemoud

Di GIANCARLO COSTA ,

I componenti della spedizione K2 Broad Peak (foto Top1 Communication)
I componenti della spedizione K2 Broad Peak (foto Top1 Communication)

Secondo rinvio per la cordata formata da François Cazzanelli, Marco Camandona, Emrik Favre, Francesco Ratti, Jerome Perruquet e il transalpino Mathéo Jacquemoud che sarebbe dovuta partire, questa settimana, alla volta del K2 (8.611 m.) e del Broad Peak (8.047 m). Come nel 2020, anche quest’anno a causa delle incertezze dovute alla pandemia non ci sono le condizioni per una partenza in sicurezza. Tutto era già pronto e gli alpinisti in ottima forma fisica e mentale, ma a bloccarli in Italia anche la cancellazione di tutti i voli per il Pakistan.

La Seven Summit, agenzia nepalese di trekking e spedizioni, che da anni cura la logistica dei valdostani, conosciuta a livello internazionale ha dovuto dare forfait ed ha di fatto annullato tutte le spedizioni al K2 e al Broad Peak in programma per i mesi di giugno e luglio.

E con la spedizione degli alpinisti valdostani, anche il progetto umanitario ad essa collegato è stato posticipato al 2022. Anche in questo caso l’obiettivo di raccogliere e portare abbigliamento destinato ai bimbi pakistani del Gilgit in collaborazione con l’Associazione Sanonani House è stato “congelato”. Nei mesi scorsi gli alpinisti si sono adoperati per promuovere la vendita di cartoline per raggiungere il budget necessario per coprire i costi del cargo per la spedizione dei capi di abbigliamento. Tutte le cartoline e le donazioni saranno custodite e spedite l’anno prossimo.

Nel 2020 ricorreva il ventennale della prima salita valdostana al K2 con le guide alpine valdostane Abele Blanc e Marco Camandona. Con il nuovo rinvio al 2022, la “montagna impossibile” si fa attendere ancora un altro anno.

Fonte Top1 Communication

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Può interessarti