La richiesta di riapertura dei rifugi di montagna

Di GIANCARLO COSTA ,

Rifugio Pontese nel vallone di Piantonetto
Rifugio Pontese nel vallone di Piantonetto

Le Associazioni di rifugisti, insieme a Uncem (Unione Nazionale dei Comuni e Comunità Montane) e ai Comuni hanno chiesto al Governo la possibilità che i rifugi, alpini ed escursionistici, possano essere inseriti tra i codici attivi non con fini turistici, ma esattamente con le stesse modalità operative di alberghi e ristoranti.
I rifugi alpini e i rifugi escursionistici sono in maggioranza identificati con codice Ateco 55.20.3 e descrizione "rifugi di montagna". In molte regioni italiane, i rifugi possono effettuare servizio di ristorazione sia interna, agli ospiti delle camere, sia esterna agli escursionisti di giornata.
Nella realtà delle piccole comunità alpine sono, insieme ad altre strutture di tipo extra alberghiero, molto spesso sostitutivi degli alberghi.

Le Associazioni di rifugisti, insieme a Uncem e ai Comuni hanno chiesto al Governo la possibilità che i rifugi, alpini ed escursionistici, possano essere inseriti tra i codici attivi non con fini turistici, ma esattamente con le stesse modalità operative di alberghi e ristoranti per poter essere messi in condizione di offrire i servizi di take-away e ospitalità.
Questa azione comunque non vedrà come conseguenza l’apertura di tutti i rifugi, ma di quella parte che pensa di poter offrire un servizio ragionevole e responsabile adatto alle circostanze contingenti o richieste, evidenzia l’Agrap, Associazione dei Rifugisti del Piemonte.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti