La spedizione di Carlo Alberto Cimenti al campo base del Dhaulagiri

Di GIANCARLO COSTA ,

dhaulacmenskiexpe
dhaulacmenskiexpe

Sabato 19 ottobre, dopo 8 ore di cammino e quasi 1000 metri di dislivello Carlo Alberto "Cala" Cimenti ed il suo compagno d'avventura Ivo sono arrivati al Campo Base del Dhaulagiri, con l'obbiettivo di salire gli 8167 metri della montagna e scenderla con gli sci. Inizia così la parte montana della nuova avventura di Cala, dopo Cho Oyu ed Manaslu.

Con grande sorpresa non hanno trovato nessuno, un deserto. Non ci sono nemmeno i cileni con cui avrebbero dovuto dividere il permesso di salita al Dhaulagiri, solo un mare di nebbia.

Dopo aver montato le tende e predisposto, la coppia di alpinisti si è fermata per un paio di giorni al campo base, per recuperare il mal di testa dovuto alla salita veloce e far passare una bufera di neve e freddo.  Quindi tenteranno di portare del materiale in quota, per superare il primo tratto molto difficile e capire la situazione in quota.

Per chi volesse seguire la spedizione dal vivo www.cmenblogexperience.blogspot.com

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti