L’alpinista Walter Nones è morto sul Cho Oyu in Himalaya

Di GIANCARLO COSTA ,

Walter_Nones_(foto_lastampa.it)_.jpg
Walter_Nones_(foto_lastampa.it)_.jpg

Walter Nones, 39 anni, alpinista altoatesino, è morto questa mattina mentre stava tentando una salita al massiccio del Cho Oyu nell'Himalaya. La conferma dell'incidente mortale è stata data dalla moglie, Manuela, sul blog dello stesso alpinista.

Non si hanno ancora particolari sull'incidente di cui è rimasto vittima Nones che stava tentando una nuova via per scalare il massiccio del Cho Oyu. "Non potremo più riabbracciarlo - scrive la moglie Manuela sul blog (Nones lascia due figli piccoli) - possiamo solo ricordarlo per il grande uomo che era. Non ci sono ancora informazioni precise sull'accaduto quindi chiedo rispetto da parte dei mezzi d'informazione nel diffondere la notizia.

Quando avrò maggiori informazioni le pubblicherò sul blog". Secondo le prime informazioni il cadavere dell'alpinista è stato recuperato. Walter Nones, carabiniere, era in spedizione con Giovanni Macaluso e Manuel Nocker e stava tentando la scalata autunnale all'ottomila himalayano, aprendo una nuova via sul versante sud ovest. Due anni fa Nones, fu protagonista della scalata in cui perse la vita Karl Unterkircher sulla parere Rakiot del Nanga Parbat.

CHI ERA WALTER NONES  - Walter Nones era originario di Cavalese, in Trentino, ma risiedeva in valgardena, in Alto Adige. Era appuntato dei carabinieri. Il suo curriculum alpinistico comprendeva, oltre alla salita al K2 senza ossigeno con una spedizione del 2004, numerose salite nelle Dolomiti, due cime himalayane (Island Peak, 6.189m e Lobuche Peak, 6.119m, dove aprì una nuova via), McKinley (6.194m) e Aconcagua (6.962m). Nel luglio 2008 fu protagonista di un'odissea sul Nanga Parbat conclusa dieci giorni dopo l'inizio dell'ascesa durante la quale morì Karl Unterkircher. Nones e il compagno Simon Kehrer vennero recuperati da un elicottero su un pianoro a quota 5.700, raggiunto dai due alpinisti al termine di una discesa dalla montagna avvenuta in condizioni difficilissime.

Fonte ANSA.it

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti