Milano: addio agli alberi secolari del Parco Bassini (con polizia)

Di EMANUELE ZANGARINI ,

Fonte: Paolo Biagioni @pbiagio78 su Twitter
Fonte: Paolo Biagioni @pbiagio78 su Twitter

Se il 2019 si chiude con Greta Thunberg personaggio dell’anno e i venerdì degli scioperi ambientalisti degli studenti, Milano decide di aprire il nuovo anno controcorrente. Il 2 gennaio camionette e volanti della polizia hanno fatto la scorta a mezzi pesanti e squadre addette ad abbattere gli alberi secolari del Parco Bassini nella Città Studi. Obiettivo: far posto a nuove strutture della facoltà di Chimica del Politecnico di Milano.

I manifestanti, studenti e residenti più o meno attempati, cani al seguito, hanno guardato attoniti abbattere uno per uno gli alberi degli ultimi polmoni verdi del quartiere sotto lo sguardo di poliziotti e agenti della Digos, la divisione specializzata nello sgominare sul nascere pericoli per la sicurezza pubblica. La forza pubblica ha però sottovalutato il Generale Capodanno, dato che per ogni manifestante, animali domestici compresi, c’erano 5 agenti.

“Purtroppo – afferma un manifestante intervistato da Local Team –  è un giorno scelto volutamente e strategicamente durante le vacanze di Natale perché sapevano che ci sarebbe stata meno resistenza”. Manifestazioni e petizioni da oltre 7000 firme non sono bastate a fermare le motoseghe.

Nei prossimi anni la Statale di Milano dovrà lasciare gli edifici delle facoltà scientifiche in Città Studi per trasferirsi nell’ex area Expo 2015 di Rho. Non sarebbe stato possibile, si chiede Irene Pizzocchero, usare le strutture che saranno lasciate libere dall'Università al posto che abbattere gli alberi? Eppure l'area espositiva creata quando l'attuale sindcaco era  amministratore delegato di Expo è divenuta un’area svuotata, da tenere artificialmente in vita, e già dopo l'esposizione universale ne avevamo denunciato lo stato. Il cemento di Expo ha chiamato il cemento del Parco Bassini invece che scongiurarne la distruzione.

L’assurdità della situazione ha fatto perdere le staffe anche a compassati professori come Paolo Biagioni che insegna fisica nell’ateneo: “Il Politecnico di Milano chiama le forze dell'ordine per fare entrare nel parco Bassini i mezzi di lavoro... @BeppeSala @PierMaran cosa ne é stato del tavolo tecnico stabilito in Commissione Ambiente il 6 dicembre e mai convocato?”.

C'è chi sintetizza efficacemente il modello Milano così: "Il Bosco Verticale è il loro manifesto programmatico. Verde fuori e cemento dentro."

Sebbene il Campus Bassini dopo il raid del 2 gennaio non sarà più lo stesso, i manifestanti hanno convocato una manifestazione per il 9 gennaio.

  • Curo le rubriche di ambiente, energia, della ciclabilità e della mobilità sostenibile di bici.tv e outdoorpassion.it. Seguo la parte tecnico-informatica di Outdoor Passion dal 2007 quando portava il nome di Sport Communities. Twitter: @emazangarini Facebook: emanuele.zangarini

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti