Milano Deejay Tri: all’Idroscalo in 2500 per la grande festa del triathlon

Di GIANCARLO COSTA ,

SEA Milano DEEJAY TRI (foto organizzazione)
SEA Milano DEEJAY TRI (foto organizzazione)

Con 2500 triatleti in gara nel weekend, incitati dal coinvolgente pubblico dell’Idroscalo di Milano, si conclude la terza edizione di SEA Milano DEEJAY TRI. Successo confermato per l’immancabile appuntamento di tutti gli appassionati della triplice disciplina, dai bambini agli adulti di ogni fascia d’età, nato dalla collaborazione tra Comune di Milano, SEA Milan Airports, Radio DEEJAY e TriO Events.

Dopo un sabato rovente, con le vittorie nell’Olimpico Silver di Michele Sarzilla (Raschiani TRI Pavese) e Ilaria Zane (DDS Triathlon Team) e nel Super Sprint di Davide Cerizza (CUS Pro Patria Milano) e Eugenia Introini (JCT Vigevano), sono Massimo De Ponti (C.S. Carabinieri) in 53’27’’ e Giorgia Priarone (707) in 58’55’’ ad aggiudicarsi lo Sprint Silver (750m – 20km – 5km). A completare i podi, tra gli uomini, Dario Chitti (Sportlife Project Ultraman) in 53’33’’ e Marco Corrà (Sportlife Project Ultraman) in 53’39’’. Al femminile, torna sul podio Luisa Iogna-Prat (DDS) in 59’36’’, seguita da Alessia Orla (DDS) in 59’54’’. In gara, come test per la Coppa del Mondo di Besançon, anche il campione di paratleta Federico Sicura con la sua guida Ivan Risti e il campione di nuoto Massimiliano Rosolino.

Il weekend, organizzato con la partnership della Regione Lombardia, della Città metropolitana di Milano, della Città di Segrate e di Peschiera Borromeo, è proseguito con le gare Kids, solo per tesserati FITRI delle categorie Minicuccioli (6-7 anni), Cuccioli (8-9 anni), Esordienti (10-11 anni), Ragazzi (12-13 anni), e la Super Sprint Youth (400m – 10km – 2.5km), riservata ai tesserati FITRI delle categorie Youth A (14-15 anni) e Youth B (16-17anni) e ai giovani con tesseramento giornaliero.

Oltre al debutto del campione di ciclismo Filippo Pozzato nell’Olimpico, anche l’Assessore allo Sport del Comune di Milano Roberta Guaineri ha scelto SEA Milano DEEJAY TRI per il suo esordio nel triathlon. “La gara è andata benissimo, organizzazione perfetta. È davvero una gioia debuttare a Milano e vedere nella mia città un clima sportivo così bello, di rispetto reciproco. Nonostante la stanchezza, ho avuto buone sensazioni lungo tutto il percorso con l’obiettivo di godermi questa esperienza e prendere le misure per il prossimo appuntamento. Dopo il successo degli scorsi anni, anche questa terza edizione è stata caratterizzata da una grande e entusiasta partecipazione da parte dei cittadini di Milano e non solo. Una festa dello sport all’aria aperta, un evento dedicato non solo agli appassionati di triathlon ma a tutti coloro che vogliono fare del moto, che come Amministrazione sosteniamo nella certezza che fare sana attività fisica faccia bene al corpo, alla mente e a tutta la comunità alla quale si appartiene”.

“Siamo felici della crescita della manifestazione - dichiara Linus di Radio DEEJAY - e dei sempre più numerosi sportivi che scelgono DEEJAY TRI per mettersi per la prima volta alla prova in questa disciplina, il nostro principale obiettivo. Spesso il triathlon viene vissuto in maniera molto competitiva, mentre sono davvero soddisfatto soprattutto per il clima sereno e di festa che si respira sempre all’Idroscalo di Milano”.

“Siamo orgogliosi di aver introdotto anche a SEA Milano DEEJAY TRI la filosofia plastic free - commenta Massimiliano Rovatti di TriO Events - grazie alla collaborazione con Gruppo CAP e con l’azienda Culligan, che ha distribuito acqua pubblica trattata dai suoi Aquabar con bicchieri di cellulosa riciclabili al 100%. Solo lo scorso anno, in tutti i nostri eventi, avevamo utilizzato 34.400 bottigliette di plastica da 50 cl, pari a 860 kg di PET. Eliminandole, abbiamo evitato l’uso di 1,7 tonnellate di petrolio e l’immissione nell’ambiente di 3,8 tonnellate di CO2. Un piccolo grande gesto, con lo stesso effetto della piantumazione di 150 nuovi alberi”.

“Non potevo non vincere da milanese a Milano - dichiara il vincitore dello Sprint Silver Massimo De Ponti - Poi con Dario Chitti avevo una sfida in sospeso dagli Italiani di Duathlon. Anche se è il mio ultimo anno di gare, lotto sempre per la vittoria fino alla fine. Fino al terzo km della frazione di corsa eravamo in testa insieme, ma dopo il giro di boa ho provato a cambiare marcia e ho guadagnato quel tanto per evitare la volata e vincere”.

“Sono contentissima della vittoria – dichiara la vincitrice dello Sprint Silver Giorgia Priarone - perché da un anno non partecipavo a competizioni in Italia, essendomi dedicata a quelle internazionali. È stato davvero un bel rientro, è sempre emozionante gareggiare in casa ed essere applauditi dal tifo italiano”.

I PODI DEL SUPER SPRINT E DELL’OLIMPICO
Nel Super Sprint (400m – 10km – 2.5km) si è imposto Davide Cerizza (CUS Pro Patria Milano) con il tempo di 34’55’’, seguito da Edoardo Fava (UISP River Borgaro) in 35’39’’ e Andrea Belussi (JCT Vigevano) in 36’27’’. Prima vittoria per Eugenia Introini (JCT Vigevano) con il tempo di 40’19’’, seguita da Alessia Andrea Bellandi (ASD 226 Triathlon V.) in 43’40’’ e Alessia Fumasoli (TRI Aironi) in 44’06’’.

Nella distanza Olimpica Silver (1500m – 40km – 10km) gradino più alto del podio per Michele Sarzilla (Raschiani TRI Pavese), con il tempo di 1h54’02’’, seguito da Andrea Giacomo Secchiero (Gruppo Sportivo Fiamme Oro) in 1h56’ e Franco Pesavento (T41) in 1h56’11’’. Tra le donne, a vincere Ilaria Zane (DDS Triathlon Team) con il tempo di 2h06’02’’, seguita da Luisa Iogna-Prat (DDS Triathlon Team) in 2h09’47’’ e Asia Mercatelli (TTR) in 2h15’29’’. A darsi battaglia all’Idroscalo numerosi campioni italiani, tra cui Martina Dogana, Daniel Fontana, Davide Uccellari, Dario Chitti e Valerio Patanè.

Sempre sulla distanza olimpica si è svolta la gara a staffetta con team da tre partecipanti, uno per ciascuna frazione, vinta in 2h09’52’’ dal Team Velociclista, formato da Alberto Mottura, Giovanni D’Anniballe e Valerio Saglioccolo. A emozionare tutti i presenti l’inattesa proposta di matrimonio di Fabio, impegnato nella competizione, alla sua fidanzata Veronica, che lo attendeva sulla finish line.

LE DICHIARAZIONI DEI PROTAGONISTI DI SABATO
“Nella frazione di ciclismo ho espresso la mia maggiore esperienza - ha commentato il vincitore dell’Olimpico Silver Michele Sarzilla – Al terzo giro il gruppo si è ricompattato e sono stato dietro a ruota per risparmiare energie per la corsa. In questa frazione mi sono sentito subito bene forzando il passo. Una gara con un livello molto alto di atleti nazionali e internazionali, sono davvero soddisfatto per l’ottimo risultato”.

“Sono partita davanti a testa bassa - ha commentato la vincitrice dell’Olimpico Silver Ilaria Zane - guadagnando vantaggio, fino a quando Luisa Iogna-Prat, in una strepitosa condizione fisica, mi ha raggiunto e abbiamo cominciato a collaborare. Ho cercato poi di lavorare sui miei obiettivi, transizioni veloci e mantenere il ritmo. Il caldo si è fatto decisamente sentire. Sono riuscita a fare la differenza proprio nei primi metri fuori dall’acqua, dove ho spinto al massimo”.

“Grande ammirazione per i triatleti – dichiara il campione di ciclismo Filippo Pozzato, al suo esordio assoluto con l’Olimpico - È una disciplina durissima ma veramente bella, lo spirito di tutta la gente presente è stato fantastico. Desideravo provare questa esperienza per divertirmi e vivere una giornata di sport alternativa. La frazione in acqua è stata davvero tosta, come la parte finale della corsa, vista la mia scarsa preparazione. Ho di certo capito l’importanza dell’allenamento”.

Fonte u.s. TriO Events

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti