Monte Bianco: dal 2019 sulla via normale francese del Gouter solo con il permesso

Di GIANCARLO COSTA ,

Monte Bianco versante francese
Monte Bianco versante francese

A causa di pochi, fine della libertà di tutti. Dopo un'estate di notizie che rimbalzavano dalla Francia sui problemi legati alla salita della via francese normale al Monte Bianco, fatta di sovraffollmento, maleducazione e addirittura aggressioni e guide alpine e rifugisti ecco cosa succederà dal prossimo anno.

Dal 2019 servirà un "permesso" per poter salire sul Monte Bianco lungo la via normale francese del Gouter, la più frequentata. Sarà prevista una quota massima di 214 alpinisti al giorno, pari ai posti letto del rifugio del Gouter, dove la prenotazione continuerà a essere obbligatoria. Con tanto di agenti autorizzati a emettere contravvenzioni ai trasgressori.

E' quanto emerso nelle serata di lunedì 3 settembre, al termine di una riunione tra il sindaco di Saint-Gervais (Francia), Jean Marc Peillex, da sempre in prima linea per chiedere una regolamentazione degli accessi al 'tetto d'Europa', il prefetto dell'Alta Savoia e altri enti interessati, dalla gendarmeria alle guide alpine al club alpino francese.

"Si distribuirà agli alpinisti un documento, una forma di permesso. E' una giornata storica per questa montagna", ha detto Peillex a radio France bleu. Al Dauphiné Liberé, il prefetto Pierre Lambert ha precisato che i contorni giuridici di queste misure dovranno essere oggetto di una seria analisi. (Fonte Ansa Valle d’Aosta)

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti