Nives Meroi e Romano Benet in vetta al Makalu (8473m)

Di GIANCARLO COSTA ,

Makalu (foto summitpost.org)
Makalu (foto summitpost.org)

Nives Meroi e Romano Benet in vetta al Makalu (8473m): a comunicarlo ufficialmente Leila Meroi, sorella di Nives sul blog http://leilameroi.blogspot.it/

“Partiti dal Campo Base il 9 maggio hanno raggiunto il C1 a circa 6600 m, il C2 a circa 7400 e, impossibilitati dal vento forte, ieri hanno deciso di fermarsi al C4 a circa 7650. Questa mattina (giovedì 12 maggio), complice una splendida giornata di sole e priva di vento, hanno coronato il sogno di salire in vetta al Makalu (8473 m). I primi salitori della giornata. Per loro è il 13° Ottomila. Sempre insieme e campo in spalla, senza portatori d’alta quota, senza ossigeno supplementare. Adesso sono fermi al C4 in attesa di tornare al CB.”

La coppia di alpinisti, compagni di cordata e nella vita, sono tornati al Makalu dopo il tentativo del 2008 non andato a buon fine con l'infortunio della Meroi.

Se scaleranno in futuro l’Annapurna, completeranno la scalata dei 14 ottomila sempre insieme.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti