Orco Climb Boulder Contest: il lato boulder di Finale

Di GIANCARLO COSTA ,

Orco Climb Boulder Contest
Orco Climb Boulder Contest

Solitamente quando gli scalatori pensano a Finale Ligure, pensano alla roccia, alle falesie di calcare, ai buchi (tanti) e alle tacche (poche), non pensano alle sale boulder e alle gare.

Invece lo scorso week end, 9 e 10 Maggio 2015, Finale Ligure ha fatto da teatro ad una manifestazione sportiva e umana di notevole spessore: la prima edizione dell’ “orco climb boulder contest”, i cui protagonisti sono stati i pannelli di resina sparsi nella bella piazza di Orco, la sala boulder gestita dalla Associazione Sportiva Supergiù e gli innumerevoli arrampicatori, giovani e meno giovani, che hanno aderito con entusiasmo a questa iniziativa.

Le gare sono iniziate il sabato mattina alle 10.30, con le fasi di qualificazione adulti, maschili e femminili. Grande partecipazione femminile, ben 35 donne in gara, 84 in tutto gli iscritti. Molto tempo a disposizione (sino alle 16.30) per scalare, divertirsi e risolvere i fantasiosi e mai banali boulders di ogni difficoltà, sapientemente tracciati dall'espertissimo Andrea Costaguta, arrampicatore e titolare della Sala Boulder di Genova, Pro-Recco arrampicata, e dal suo staff. Durante le qualificazioni gli atleti hanno cercato di "chiudere" più boulders possibili e, allo scadere del tempo, la rosa dei migliori che hanno salito più blocchi e i più difficili, hanno avuto accesso alle finali maschili e femminili. I finalisti sono risultati 8 uomini e 6 donne.

Un break di circa due ore ha fatto si che i qualificati potessero riprendere le forze per affrontare la finale.

Un unico tracciato proposto, spettacolare la battaglia sia in campo maschile che in campo femminile, con il contorno di un folto pubblico entusiasta ed urlante. Tra gli uomini la spuntano Remi Valkraw di Grenoble, sul giovanissimo Tommaso Pennestri, secondo e Markus Ulrich terzo, seguono Alberto Minardi, Gabriele Priano, Enrico Raz, Andrea Abrate e Mauro Del Bel Belluz. In campo femminile ha impressionato l'altissimo livello di una manciata di giovanissime atlete. È Camilla Moroni ad aver la meglio su Anna Gonzales seconda e Claudia D’Amato terza, seguono Claudia Ferreto, Urszula Dawidowicz e Barbara Belloro. Da menzionare la bella prestazione di Hanna Sieczko, 4^ nelle qualificazioni, purtroppo infortunata!

Nella stessa cornice, domenica 10 Maggio, si è svolta la gara dedicata ai giovanissimi che hanno intrattenuto il pubblico con il loro enorme entusiasmo e altissimo livello sportivo.

Grande partecipazione, ben 94 bambini in gara e stessa tipologia di qualificazione.

Spettacolare la finale che si è disputata con tanto entusiasmo ed un grande pubblico. Quattro le categorie, rappresentanti quattro fasce di età.

Ecco i podi di ogni categoria:

Cat 1

maschile femminile

1 Bogliacino Lorenzo 1 Lauretano Elisa

2 Maggioni Jacopo 2 Moroni Camilla

3 Pennestri Tommaso 3 D'Amato Claudia

Cat 2

maschile femminile

1 Simone Ziporri 1 Maggioni Noemi

2 Quaglia Emanuele 2 Pinza Martina

3 Calvo Leonardo 3 Billò Agnese

Cat 3

maschile femminile

1 Mele Alessandro 1 Zappini Greta

2 Gearzi Agostino 2 Zappini Elisa

3 Pennestri Martino 3 Bergamelli Viola

Cat 4

maschile femminile

1 Bruzzone Enea 1 Abrate Margherita

2 Telli Alberto 2 Carena Sofia

3 Canepa Aaron 3 Abrate Aila

La prima edizione della manifestazione ha avuto un risultato eccellente. Grande entusiasmo, grande festa e molti premi per tutti, offerti dagli sponsor dell'evento. L’organizzazione da parte dell’ associazione sportiva Supergiù di Orco è stata impeccabile, con un enorme lavoro da parte di tutti i volontari.

Ci ritroveremo il prossimo anno per la seconda edizione.

Di Barbara Belloro

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti