Tutto pronto per la 9ª Adigemarathon

Di MARCO CESTE ,

Si svolgerà domenica 21 ottobre 2012 la nona edizione dell’Adigemarathon di canoa, kayak e rafting sul fiume Adige sul tradizionale percorso da Borghetto di Avio (Trento) a Pescantina (Verona), valida come unica prova italiana delle Canoe Marathon Classic World Series 2012. L'evento sarà presentato giovedì 18 ottobre in conferenza stampa a Verona.

Testimonial della manifestazione è Daniele Molmenti, campione olimpico di canoa slalom a Londra 2012. Il suo nome va così ad arricchire l'albo d'oro dei testimonial olimpici quali Antonio Rossi ambasciatore dello sport italiano nel mondo, Daniele Scarpa e Beniamino Bonomi per restare nell'ambito della canoa e di Sara Simeoni, Livio Berruti, Klaus Dibiasi, Fulvio Valbusa e Paola Pezzo: sportivi che sono entrati nel cuore non soltanto degli italiani e che contribuiscono a rendere ancora più prestigiosa la maratona.L’Adigemarathon, organizzata dai Canoa club di Pescantina, Verona e Borghetto d’Avio e da Verona dall’acqua, coordinati da Terradeiforti sport e il fondamentale apporto dei Comuni di Dolcè ePescantina e di quasi 400 volontari, concluderà le gare di World Series che, secondo il calendario voluto dall’ Icf, l’International canoe federation, si sono disputate in Gran Bretagna, Olanda, Sud Africa, Spagna, Australia, Svezia, Irlanda, Danimarca, Repubblica Ceca e, appunto, Italia.Un prestigioso riconoscimento raggiunto in otto anni di crescita assolutasia sotto il profilo agonistico - sull’Adige hanno gareggiato i migliori canoisti olimpici e fluviali del mondo - che amatoriale, a coronamento diannate da record.L'obiettivo è proporre sia un appuntamento sportivo sempre più ricco di significato”, precisa Bruno Panziera, presidente dell’ Adigemarathon “che un momento di studio, riflessione e proposta sulle iniziative da attuare per coinvolgere e quindi promuovere tutta l’area interessata alla manifestazione canoistica”.L’anno scorso alla manifestazione hanno partecipato 1.354 pagaiatori di 13 nazioni (Italia, Germania, Svizzera, Repubblica Ceca, Spagna, Austria, Irlanda, Gran Bretagna, Slovacchia, Croazia, Slovenia, Stati Uniti e Sud Africa) e sono stati impegnati 372 volontari nei vari servizi di segreteria, sicurezza acqua/terra, ristorazione, trasporti, allestimento sedi e premiazioni. Numeri che sono destinati a crescere ancora.È calcolato, sulla base delle presenze medie alle precedenti edizioni dell'Adigemarathon, che la maratona sarà seguita lungo il percorso da almeno 10.000 persone e 5.000 saranno gli appassionati a Pescantina nel solo giorno della gara (oltre 2.000 usufruiranno del servizio ristorazione con prodotti tipici), a testimonianza dell’efficacia dell’azione da anni avviata per una forte promozione del territorio sotto il profilo storico, naturalistico, culturale e della valorizzazione delle varie tipicità.Agonisti: partenza ore 10,00. Domenica 21 ottobre 2012 sul fiume Adige si confronteranno oltre 400 atleti lungo i 35 chilometri che separano Borghetto d’Avio, ai limiti della provincia di Trento, da Pescantina dove, lo scorso anno, si levarono al cielo per la prima volta dopo tanti successi stranieri le pagaie italiane di Benassi e Spadoni. Particolare è la categoria Sup, Stand Up Paddler, composta da pagaiatori che partiranno da Dolcè in piedi su una “tavola” tipo quella del più popolare surf: una specialità che si sta sempre più diffondendo al mare e che ora vuol trovare la suaconsacrazione sul fiume proprio all’Adigemarathon.Un’ora dopo la partenza degli agonisti prevista alle ore 10, almeno 500 canoisti amatori partiranno dall'isola di Dolcè con lo stesso obiettivo di raggiungere Pescantina dopo 20 chilometri. Con loro al via anche gli equipaggi del rafting che consentono a un numero sempre maggiore di persone non solo di avvicinarsi per la prima volta all’ambiente fluviale, ma anche di trascorrere in amicizia una giornata all’insegna dello sport e della natura.Ufficio Stampa FICK



Può interessarti