Rocca la Marchisa da Sant’Anna di Bellino – Itinerario escursionismo

Di GIANCARLO COSTA ,

Apertura Itinerario Rocca la Marchisa
Apertura Itinerario Rocca la Marchisa

ACCESSO: Per raggiungere la Val Varaita e la valle di Bellino, si passa per la cittadina di Saluzzo. Arrivando dall’autostrada A6 Torino-Aosta, si esce a Marene, da Cuneo si percorre la statale 589, da Torino si percorre la tangenziale sud, si aggira La Loggia e si prosegue in direzione Moretta e poi Saluzzo. Da Saluzzo si prosegue oltre Verzuolo e svoltando a destra si prosegue per la strada provinciale della Val Varaita direzione Colle dell’Agnello, Superato Sampeyre, a Casteldelfino prendere il bivio a sinistra per Bellino, andare fino in fondo alla strada asfaltata che termina nella frazione Sant’Anna di Bellino.
PERIODO CONSIGLIATO: da Giugno a Ottobre
DISLIVELLO: 1200 metri circa
ATTREZZATURA: Normale attrezzatura da escursionismo o da trail running
CARTOGRAFIA: IGC MONVISO scala 1:50000
INDIRIZZI UTILI:
Rifugio Melezè, tel. 0175956410 www.meleze.it
Ufficio Turistico Valle Varaita, piazza della Vittoria 40, 12020 Sampeyre tel 0175977152 info@vallevaraita.cn.it
Soccorso alpino 118

DESCRIZIONE ITINERARIO

Risalita tutta la Val Varaita fino a Casteldelfino, si prosegue a sinistra per la valle di Bellino, che si percorre fino al termine della strada asfaltata, alla frazione Sant’Anna di Bellino (quota 1852m). Parcheggiare ed iniziare l’escursione. Abbiamo effettuato questa escursione con un giro ad anello, che ha come punto culminante Rocca la Marchisa (quota 3072m), salendo al Colle di Vers (quota 2862m) e scendendo dal Colle di Sagneres (quota 2894m).
Da S.Anna di Bellino, superato il ponte all’inizio dello sterrato, ai primi cartelli di indicazione prendere a sinistra una stradina sterrata seguendo l’indicazione Colle di Vers e Rocca la Marchisa. Seguire la stradina che con alcuni tornanti porta Pian Traversagn. Terminato il pianoro iniziare a salire il sentiero che conduce al Colle di Vers, con Rocca la Marchisa a sinistra. Arrivati al Colle di Vers, scendere per qualche metro nel versante della Val Maira, quindi a sinistra c’è il cartello che indica la salita a Rocca la Marchisa. Iniziare la salita su una fascia rocciosa, quindi continuare a salire una traccia tra terriccio e sfasciumi, occhio alle pietre che si staccano, risalendo verso un colletto dal quale è visibile la prima delle due croci di vetta. Arrivati colletto posto tra le due cime, salire la corse di sinistra e quindi continuare per cresta in direzione della croce di destra.
Da qui si può ridiscendere per il percorso di salita, oppure completare l’itinerario con un giro ad anello verso il Colle di Sagneres. Dalla vetta il sentiero è evidente, traversando e scendendo, tra cresta e cenge un po’ meno, quindi attenzione a non perdere la via. Arrivati al Colle di Sagneres, scendere su un accenno di sentiero, quindi ci si ritrova in una pietraia di non semplice attraversamento. Prendere come riferimento i ruderi di baita posti sotto Costa Sturana. Arrivati a Costa Sturana, seguire la prima parte del sentiero di cresta, quindi scendere a sinistra per i prati che portano nell’ampio vallone, puntare ad un’isolotto roccioso sopra una baita, intercettare una strada poderale e seguirla fino ad un ponticello. Da qui il percorso di ritorno sulla stradina sterrata è uguale a quello di salita, quindi ritornare a Sant’Anna di Bellino.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti