Successo a Finale Ligure per la prima edizione della EpicBlue Swimrun

Di GIANCARLO COSTA ,

Annika Ericsson e Kristin Larsson vincitrici EpicBlue Swimrun (foto organizzazione)
Annika Ericsson e Kristin Larsson vincitrici EpicBlue Swimrun (foto organizzazione)

Che giornata, a Finale Ligure sabato 28 settembre! Con tanta energia, la EpicBlue Swimrun, gara di nuoto e corsa a frazioni alternate ha contribuito ad alzare il livello di adrenalina e di entusiasmo tra il pubblico già entusiasta del FLOW Festival di sport outdoor.

Gli atleti sono partiti dalla piazza della chiesa alle 11.30 e hanno fatto il primo tratto di corsa in centro al borgo, in mezzo alla folla incuriosita, agli espositori e alle scuderie dei team internazionali di ciclismo che partecipano al Trofeo delle Nazioni della Enduro World Series. Hanno poi continuato sulla passeggiata, ammiccando al torneo di beach volley, per poi scendere sulla spiaggia e tuffarsi in mare dagli scogli e allontanarsi da riva per la prima frazione di nuoto. I primi a riapparire sulla spiaggia di Finale, sono stati i concorrenti gara corta, dopo 13 km e un’ora e 47 minuti. I primi della lunga invece, che hanno fatto il percorso da 23 km fino a Noli e ritorno, sono arrivati dopo 3 ore e 50 minuti.

I partecipanti sono stati entusiasti del tracciato e della bellezza del territorio, anche se condizioni di mare non semplici, con un po’ di onda lunga, li hanno messi alla prova soprattutto intorno a Capo Noli. Dura anche la frazione a terra intorno allo stesso promontorio, che però ha portato gli atleti in un luogo di straordinaria bellezza, a rivedere da una prospettiva nuova il tratto di mare che avevano appena compiuto a nuoto.
Il tempo si è mostrato clemente, un po’ di nuvole hanno reso il calore più sopportabile per la corsa, mentre la temperatura dell’acqua ha permesso ai più di gareggiare senza muta.
Tutti stanchi, inevitabile, ma soddisfatti, e questo è in gran parte merito della bellezza dei panorami, del mare, delle scogliere e dei sentieri che contribuiscono a rendere EpicBlue Swimrun una gara unica per quanto riguarda sia le sezioni di mare sia quelle di terra. Il format a coppie poi, ispirato all’Ötillö nato in Svezia, è un’altra caratteristica che contraddistingue questa gara. Forse per questo sono andate così forti le due svedesi Annika Ericsson e Kristin Larsson, campionesse del mondo di questo circuito che hanno chiuso la gara in terza posizione della classifica generale, dietro ai triatleti savonesi Federico Gallo e Claudio Gaino e ai primi assoluti, i fratelli Cadière, francesi, Romain e Renaud.

Fonte organizzazione

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti