Successo per la 24 ore Sufferfest di endurance climbing

Di GIANCARLO COSTA ,

Volantino Sufferfest
Volantino Sufferfest

Svoltasi il 19 e 20 maggio 2018 nella splendida area di Colletta di Castelbianco in Valpennavair , una delle più celebri al mondo per l’arrampicata sportiva, la prima competizione di “endurance climbing” ha registrato un crescente riscontro di pubblico, tra appassionati e professionisti, con il suo mix di sport, musica e divertimento travolgenti che hanno celebrato lo spirito aggregativo dell’arrampicata sportiva.

Con le novità presentate in occasione dell’edizione 2018 – la 12H per la categoria Recreational, che è stata dedicata a tutti gli scalatori di livello medio basso, e la possibilità di conoscere da vicino il mondo yoga grazie alla presenza di esperti Maestri della disciplina, per abbracciare la consapevolezza che deriva dall’equilibrio fra mente, corpo e respiro – la 24 ore Sufferfest oltre a essere una gara è stata una grande festa per climber e non, aperto davvero a tutti: curiosi, accompagnatori, bambini, neofiti attratti da oltre 1700 vie e 50 falesie adatte al principiante come a chi in parete ha già moltissima esperienza.

24h Sufferfest ha catturato l’attenzione di un pubblico estremamente eterogeneo, incuriosito dalla sua formula inedita che ha visto in gara squadre composte da due climber sfidarsi in parete per 24 ore.
"Vincitori di questa seconda edizione sono stati Lorenzo Bogliacino, per la categoria “Maggior numero di vie arrampicate” (73) e nella classifica maschile a punti, Bogliacino – Sismondi del Team Duruputu per la categoria “Maggior numero di vie arrampicate per coppia” (138), Di Muzio – Serino nella categoria “Miglior nome del team” col nome “Capitan Uncino e Spugna”. E ancora: Aleksandra Taistra nella classifica femminile a punti pur avendo arrampicato soltanto di giorno per mancanza di assicuratore la notte e Virginia Passerini, nella categoria “Maggior numero di vie arrampicate (femminile)” (28)."

Oltre 10 mesi di lavoro per scegliere le vie una ad una in base a criteri come sicurezza, varietà di vie per ogni livello, percorsi differenti nelle stesse falesie per poter mettere assieme partecipanti advanced e intermedi. Un' attenta selezione è stata fatta inoltre a: base della falesia e avvicinamento per sicurezza, lunghezza delle vie, falesie e tiri notturni, soste e materiali certificati.

Il risultato non poteva che essere un evento dal successo incredibile, oltre le migliori aspettative per un format e un’organizzazione studiata e curata nei minimi dettagli.

Prodotta da City Outdoor Games, collaudato format di sport e lifestyle, la 24hSufferfest dà appuntamento al prossimo maggio 2019.

Fonte organizzazione

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti