Il Team Pedini-Iret al Raid International Gaspesie in Canada | Outdoor Passion

Il Team Pedini-Iret al Raid International Gaspesie in Canada

Di GIANCARLO COSTA ,

Il Team Pedini Iret al Raid Gasespie in Canada (foto organizzazione)
Il Team Pedini Iret al Raid Gasespie in Canada (foto organizzazione)

Trentacinque Team provenienti da 11 nazioni si sono ritrovati per il Raid Internationatiol Gaspesie a Carlton-sur-mer nel sud della Gaspesie (Quebec ) - Canada. Fra questi il Team italiano PEDINI – IRET composto da Roberto Mattioli e Michele Sartori con Stefania Zarotti nel ruolo di assistenza.

Due i percorsi previsti : 150 km e 250 km da coprire con varie sezioni di corsa, mountain bike, canoa e passaggi di corde, tutto in orientamento in un teatro di gara di una bellezza estrema, con una natura ancora incontaminata.

I team potevano essere composti da 2 o 4 atleti indiferrentemente.

Il Team PEDINI – IRET che si schierava sul percorso più corto, quello di 150 km si metteva subito in evidenza nel prologo di 20 km piazzandosi subito al comando. Il giorno successivo Michele e Roberto, pur bersagliati da forature e problemi vari nella sezione di mountain bike, riuscivano a mantenere la prima posizione per soli 8 minuti. Nella terza giornata di gara iniziata con la sezione di canoa sul fiume Cascapedia, uno dei più rinomati per la pesca al salmone, e proseguita con una lunga sezione di mountain bike e corsa a piedi, chiudevano ancora in prima posizione, riuscendo però ad incrementare il distacco di soli pochi secondi. Nel quarto ed ultimo giorno di gara però sciupavano tutto.

Una strategia sbagliata, con una condotta di gara ancora all'attacco, quando bastava gestire, li ha portati a commettere errori di orientamento che li ha fatti retrocedere al quarto posto nella classifica finale.

Dopo aver apprezzato la bellezza dei posti, la grande organizzazione dell'evento seguito da oltre dieci catene televisive, la bella condotta di gara sino ad un passo dalla fine e l'ottimo lavoro svolto a livello di assistenza da Stefania, in grado di recuperare anche una nuova bici quando una di queste è stata “schiacciata” da una vettura in manovra nella zona cambio, rimane un po' di “amaro in bocca” per il podio mancato.

Di Roberto Mattioli

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti