Torna Valsusa Filmfest: fino al 4 maggio la XVIII edizione dal titolo"Poveri ma belli". Una rassegna sul recupero della memoria storica e sulla difesa dell'ambiente

Di GIANCARLO COSTA ,

Cinema verticale Valsusa Filmfest
Cinema verticale Valsusa Filmfest

Un lungo festival in 8 comuni della Valle di Susa con proiezioni, incontri, spettacoli teatrali, concerti, una selezione d'arte contemporanea, il concorso cinematografico con opere provenienti da tutta Italia e dall'estero, il progetto 'Corti dentro' con proiezione dei cortometraggi e giurie di detenuti nelle carceri di Fossano e di Pozzuoli, eventi sul tema 'Poveri ma belli'  e tanti ospiti tra i quali Patrizio Rispo, Luca Mercalli, Sandro Ruotolo, Andrea Segre e Dagmawi Yimer

Fino al 4 maggio 2014 si svolgerà in 8 comuni della Valle di Susa ed il 25 aprile a Torino la XVIII edizione del Valsusa Filmfest, festival sui temi del recupero della memoria storica e della difesa dell'ambiente che ogni anno propone un tema importate sul quale riflettere e che da 18 anni anima un territorio aperto all'incontro e al confronto culturale attraverso concorsi cinematografici e numerosi eventi tra letteratura, cinema, musica, arte e impegno civile.

L'obiettivo principale del Filmfest è quello di promuovere cultura dando ampio spazio alle nuove generazioni e ai modi in cui intendono raccontare i fatti del nostro tempo e della nostra storia attraverso il mezzo cinematografico. Una manifestazione che si è sempre proposta come luogo aperto a produzioni che aiutino a riflettere e a cogliere i cambiamenti sociali, culturali e politici contemporanei e che da sempre contribuisce ad alimentare la ricchezza culturale di una Valle che possiede una storia millenaria, un enorme patrimonio di arte e cultura, straordinarie bellezze naturali ed eccellenti tradizioni da preservare.

Il titolo e tema portante di questa edizione è "POVERI MA BELLI" con sezioni di concorso ed approfondimenti dedicati alla ricerca della leggerezza della vita e a vicende legate a storie di cambiamenti e di nuove opportunità che si escogitano per superare le difficoltà quotidiane e le 'crisi' contemporanee.

Come sempre, oltre alle proiezioni delle opere partecipanti al concorso cinematografico, vengono proposti numerosi eventi con incontri, mostre, concerti e spettacoli. In questa edizione vengono coinvolti 8 comuni della Valle di Susa con appuntamenti ad Avigliana, Bardonecchia, Bussoleno, Condove, Mattie, Oulx, Venaus e Villar Focchiardo, oltre alla Città di Torino con la proiezione del filmato vincitore della sezione Memoria Storica al Museo Diffuso della Resistenza il 25 aprile.

Avviato nella scorsa edizione, prosegue e si amplia il progetto 'CORTI DENTRO', ideato in collaborazione con le associazioni Sapori Reclusi e Rete del Caffè Sospeso, attraverso il quale il Valsusa Filmfest entra all'interno della Casa di Reclusione Santa Caterina di Fossano (CN), e quest'anno anche all'interno della Casa Circondariale Femminile di Pozzuoli (NA), costituendo una giuria mista per la sezione di concorso 'Cortometraggi', composta dalla giuria del festival e da una selezione di detenuti. Le opere verranno proiettate contemporaneamente il 12 aprile dalle ore 16 nel cinema di Condove (TO) e nelle due carceri con collegamenti via Skype autorizzati dal Ministero dell'Interno all'inizio ed al termine delle proiezioni.

Il CONCORSO si articola in 4 sezioni - Cortometraggi, Le Alpi, Documentari e Memoria Storica - e le proiezioni delle opere finaliste si svolgeranno tra l'11 e il 15 aprile. Il tema della sezione Cortometraggi è 'Poveri ma belli', la sezione Documentari ha come titolo "Oltre la crisi", la sezione Le Alpi è per filmati sulla montagna e sulla cultura montana e la sezione Memoria Storica, organizzata in collaborazione con l'ANPI Valle di Susa, è come sempre riservata a opere che consegnino a futura memoria la documentazione di un importante avvenimento della nostra storia passata o recente. Si sono iscritte al concorso 195 opere di cui 21 provenienti dall'estero e specificatamente da, Francia, Germania e Spagna.

Il cartellone prevede diversi appuntamenti di TEATRO e MUSICA.

L'inaugurazione de 28 marzo a Bussoleno è affidata allo spettacolo 'Più di mille giovedì' della compagnia Assemblea Teatro, monologo con più di 300 repliche all'attivo che racconta la storia delle Madres di Plaza de Mayo, grazie alla regia di Renzo Sicco e all'interpretazione di Annapaola Bardeloni. L'evento fa parte dell'iniziativa 'Al'è Mey' organizzata per ricordare Alessio Meyer, ricercatore dell'Università di Torino e capo scout scomparso il 23 dicembre 2009.

In programma anche eventi all'aperto con la bellissima piazza Conte Rosso di Avigliana che il 5 aprile sarà palcoscenico di 'L'organico di Emilio Comici Blues' - reading musicale di e con Wu Ming 1 e il gruppo musicale Funambolique dedicato al triestino Emilio Comici (1901-1940), uno dei più grandi alpinisti della storia d'Italia - il 27 aprile diventerà un cinema all'aperto con la proiezione del video 'Colonne sonore della Resistenza' messo a disposizione dall'Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza ed il 1° maggio ospiterà 'È primavera svegliatevi bambine!', spettacolo teatrale realizzato all'interno del progetto 'Valle di Susa: un viaggio attraverso le Alpi' a cura dell'attore e regista Marco Alotto e risultato di laboratori da lui condotti nelle scuole della Valle; lo spettacolo verrà replicato anche il 3 maggio a Villar Focchiardo e il 5 maggio a Bussoleno.

Un altro appuntamento musicale è in programma il 24 Aprile al salone polivalente di Venaus con il cantautore lampedusano Giacomo Sferlazzo ed il musicista Jacopo Andreini.

Fonte Piemonte Parchi

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti