Valencia: eletta capitale dello sport 2011

Di ALBERTO ,

Valencia eletta capitale europea dello sport 2011
Valencia eletta capitale europea dello sport 2011

Parma è tra le prime quattro città delle nove a vincere il riconoscimento europeo.

Valencia è stata eletta Capitale Europea dello Sport per l’anno 2011, mentre tra le prime quattro città europee ci sono Parma, Puertollano (Spagna) Treviso e Trieste. Un bel traguardo per l’Italia che vede ben 3 città tra le prime dieci della classifica.
Il premio è stato assegnato stamattina a Milano da Aces (European Capitals And Cities Of Sport Association), l’associazione nata con la volontà di divulgare e promuovere lo sport come asset fondamentale della vita sociale e civile di città e paesi, e che assegna ogni anno il titolo di “Capitale Europea dello Sport”.
Durante la cerimonia di chiusura dell’anno 2009 di “Milano Capitale dello Sport 2009”, alla presenza del presidente del Coni Gianni Petrucci, del presidente Aces Italia Gian Francesco Lupattelli, è stato quindi dato l’annuncio ufficiale che Valencia sarà Capitale Europea dello Sport 2011 seguita dalle città italiane. Già note da tempo le città premiate per il 2010: Dublino sarà Capitale europea dello Sport mentre le Città europee dello Sport saranno Novara, Salamanca e Gateshead.

Il premio e il suo valore
Il premio ha un valore istituzionale importante perché la scelta è operata dopo un’accurata selezione e attraverso precisi parametri, in coerenza con le indicazioni fornite dal “Libro Bianco” sullo Sport pubblicato dalla Commissione Europea nel 2007. Negli ultimi anni al riconoscimento di “European Capital of Sport”, al quale possono candidarsi città con più di 500.000 abitanti o città capitale di uno dei 27 paesi della UE, si sono aggiunti la “European City of Sport”, destinato ai centri con un numero di abitanti compreso tra 25.000 e 500.000 e quello di “European town of sport”, per i piccoli paesi con meno di 25.000 abitanti.
Questo “vero e meritato riconoscimento – si legge nella lettera inviata al sindaco Vignali dal presidente della commissione Aces Italia Gian Francesco Lupattelli - a coronamento dell’impegno profuso dall’amministrazione comunale nel dotare la città di impianti adeguati alla domanda sportiva, ma non solo, anche per la qualità delle infrastrutture ed una organizzazione dinamica e funzionale del loro utilizzo, anche molto apprezzata dalla Commissione di Valutazione in occasione della visita tecnica".

“Questo importante riconoscimento di “Città Europea dello Sport” accenderà su Parma i riflettori europei e sarà in grado di attrarre eventi a beneficio della città e del mondo dello sport. Io penso che siamo sulla strada giusta, perché lo sport non è solo divertimento, benessere, agonismo e passione è anche una grande palestra educativa per i nostri giovani".
Un titolo che conferma che “siamo su standard europei per quanto riguarda strutture e attività sportive, e oltre a testimoniare la bontà del lavoro svolto dal Comune di Parma negli ultimi anni, anche a livello di relazioni intessute con le istituzioni sportive nazionali ed europee”, aggiunge l'assessore allo Sport Roberto Ghiretti.



Può interessarti