Walter Bonatti – Stati di grazia, un’avventura ai confini dell’uomo

Di GIANCARLO COSTA ,

Walter Bonatti Stati di grazia
Walter Bonatti Stati di grazia

Il 22 giugno il Museo Nazionale della Montagna di Torino apre la mostra Walter Bonatti.
Stati di grazia. Un’avventura ai confini dell’uomo, dedicata al grande alpinista ed esploratore nel decennale della sua scomparsa. L’esposizione, curata da Roberto Mantovani e Angelo Ponta, privilegia un filo narrativo inedito che, a partire dai racconti di Bonatti e da alcune considerazioni raccolte, nel corso degli anni, direttamente dalla sua voce, indaga la sua relazione con l’ambiente naturale.

Per tutta la vita, dalle prime esperienze sulla roccia della Grignetta agli ultimi viaggi di esplorazione, Walter Bonatti andò alla scoperta del mondo e di se stesso. Lo attirava l’avventura, ma non solo: a poco a poco, le sue esperienze nella natura sfociarono in una ricerca che divenne un vero e proprio esperimento condotto su di sé, senza pretese scientifiche ma non per questo meno profondo e stimolante. Bonatti si immerse nella grande wilderness fino a fondersi con essa, e in alcune circostanze visse quelli che chiamava “stati di grazia”: momenti eccezionali, capaci di risvegliare in lui forze sconosciute e di spingerlo oltre i limiti. Le stesse convinzioni che in montagna lo avevano portato a rinunciare alle innovazioni tecniche per riprendere la tradizione alpinistica d’anteguerra, lo incoraggiarono ad accostarsi senza armi agli animali “feroci”, a condividere esperienze di vita quotidiana con le popolazioni indigene e a confrontarsi, nei luoghi più remoti, con la memoria di un mondo primordiale. Così, in trent’anni di straordinarie avventure, sulle pareti più difficili delle Alpi, nei fiordi patagonici, nei deserti e nelle giungle, tra i ghiacci e nei vulcani, Bonatti condusse quell’esperimento di cui era egli stesso il soggetto e l’oggetto: cercò di stabilire con la natura un rapporto profondo, non mediato, e si trovò a osservare, dentro di sé, il riaffiorare di istinti dimenticati.

La mostra del Museomontagna mette in luce il filo che lega le avventure e le emozioni di Bonatti, dai giorni grandi sulle Alpi alle molteplici e irripetibili esperienze nelle regioni più selvagge della Terra, in un percorso che non utilizza solo le immagini, le parole e gli oggetti conservati nell’Archivio dell’alpinista-esploratore, ma propone al visitatore un’esperienza di immersione nei suoi ambienti. «Sarebbe stato facile riempire le sale dell’esposizione facendo sfoggio della dovizia di documenti, scatti fotografici e materiali che Bonatti ha conservato. Certo, molto è stato messo in mostra. Ma non volevamo che tutto si esaurisse in un’esibizione di oggetti e di immagini, o nel ritratto di un campione del passato», raccontano i curatori.

«Perché l’interesse e l’affetto che ancora oggi circondano Walter non si spiegano solo con il valore delle scalate, il suo talento di reporter o il fascino dei suoi viaggi esplorativi: la sua lunga ricerca tocca corde profonde, le sue emozioni ci riguardano ancora, ed è attraverso queste che possiamo rileggerne l’esperienza».

Highlights Lungo il percorso espositivo, il visitatore incontrerà alcuni oggetti che i racconti del protagonista e la sua storia hanno trasformato in vere e proprie icone: l’attrezzatura alpinistica dei primi anni di attività di Walter; la pagaia del primo viaggio compiuto per “Epoca” nello Yukon; alcuni dei machete usati nel corso delle avventure nella giungla e nelle foreste; i libri d’avventura che gli ispirarono progetti di reportage; lettere e pagine tratti dai diari e dai quaderni. Parallelamente il pubblico potrà immergersi in alcuni ambienti “bonattiani”. Per prima la montagna, con una grande installazione multimediale dedicata al Grand Capucin, realizzata da auroraMeccanica | Narrative Space Studio di Torino e basata sulle riprese appositamente realizzate con il drone dal Soccorso Alpino Piemontese e Valdostano lungo il tracciato della via Bonatti-Ghigo del 1951. Ai ghiacci, alle foreste e ai vulcani sono dedicate tre sale “immersive” che tramite allestimenti scenografici restituiscono alcune suggestioni di quegli ambienti. Infine, la ricostruzione di un angolo dello studio di Walter a Dubino, in Valtellina, con la sua macchina da scrivere e i suoi libri. Si potranno vedere alcuni contenuti video, in parte già conservati nella Cineteca Storica del Museo e in parte arrivati con l’Archivio Bonatti, come gli interessanti video di viaggio realizzati per una collaborazione con la Giuliani a fine anni Sessanta. E ancora, con tecnologia QR code, si potrà ascoltare la voce di Bonatti in alcuni estratti audio da un’intervista realizzata nel 1987 da Silvia Metzeltin per la RSI  Radiotelevisione svizzera.

L’esposizione è accompagnata da un catalogo riccamente illustrato, che raccoglie i contributi di Daniela Berta, Veronica Lisino, Leonardo Bizzaro, Luca Calzolari, Roberto Mantovani, Franco Michieli, Angelo Ponta, Angelica Sella. Tra le preziosità del volume vanno segnalate: la prima foto scattata da Bonatti a 17 anni, gli scatti fotografici inediti realizzati da Mario De Biasi in occasione della straordinaria scalata di Bonatti sul Cervino, nel febbraio del 1965; le fotografie inedite della spedizione al K2 conservate alla Fondazione Sella di Biella; le fotografie inedite della spedizione del 1961 al Rondoy Norte, nelle Ande peruviane, provenienti dall’archivio di Giancarlo Frigieri; numerose fotografie realizzate da Bonatti nel corso delle sue scalate e durante i viaggi di esplorazione; libri e giornali dell’epoca. E ancora: 30 pagine di citazioni di Bonatti, la riproduzione fotografica di parte delle sue attrezzature, la cronologia completa della sua vita e delle sue avventure, e una serie di QR code per ascoltare dal proprio smartphone la voce di Bonatti che commenta le proprie avventure.

Evento di presentazione Il 21 giugno, alle ore 18.00, i curatori Roberto Mantovani e Angelo Ponta presenteranno la mostra in streaming sui canali social del Museo. Altri eventi Martedì 29 giugno, alle ore 18,30, Roberto Mantovani e Angelo Ponta presenteranno il catalogo della mostra nell’ambito della rassegna libraria online “Leggere le montagne”, organizzata dalla Biblioteca Nazionale del CAI in collaborazione con il Museomontagna.

Fonte Museomontagna

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti