Windsurf Grand Slam 2015: la finale freestyle Tow-in vinta da Mattia Fabrizi

Di GIANCARLO COSTA ,

Mattia Fabrizi
Mattia Fabrizi

Coluccia (Olbia-Tempio) – Spettacolare finale del Freestyle Tow In ieri a Coluccia ai Campionati Nazionali di windsurf in corso in Sardegna. La gara, con gli atleti trainati dal motoscafo, per mancanza di vento nel pomeriggio, è stata vinta da Mattia Fabrizi del Circolo Surf Torbole davanti al lombardo di Desio ma trasferito in Sardegna Rossel Bertoldo ed al milanese, ma anche lui trasferito in sardegna, Matteo Testa dello Sporting Club Sardinia.

Le heat di qualificazione si erano svolte nei giorni precedenti. Il livello dei ragazzi del freestyle presenti a Coluccia è altissimo, tanti i giovani talenti già affermati, alcuni come Jacopo Testa, Mattia Fabrizi, Rossel Bertoldo, Giovanni Passani e Marco Vinante, recentemente reduci dalle esperienze nel circuito di coppa del mondo del PWA World Tour, il circuito professionistico mondiale, e proprio alcuni di questi hanno dato vita ad una finale esaltante sia per gli atleti che per il numeroso pubblico accorso per gustarsi le esibizioni. I finalisti erano: ITA 832 Rossel Bertoldo, ITA 991 Mattia Fabrizi del Circolo Surf Torbole, ITA 139 Giovanni Passani, ITA 493 Matteo Romeo dello Yacht Club Como, ITA 156 Matteo Testa dello Sporting Club Sardinia, il fratello Jacopo Testa ITA 2610 anch'egli dello Sporting Club Sardinia.

Il campionato nazionale Freestyle 2015, a differenza delle altre specialità, si sviluppa in due tappe. La prima si è svolta sempre qui in Sardegna solo qualche settimana fa, al Windsurfing Club Sa Barra, nell'isola di Sant'Antioco, situata all'estremo sud-ovest della Sardegna, la seconda è quella in corso in questi giorni a Coluccia. La prima tappa è stata vinta dal 19enne di Trevignano Romano, Giovanni Passani, davanti al bresciano Giovanni Fabrizi e il milanese, ma trapiantato in Sardegna, Jacopo Testa, attuale detentore del titolo. La somma dei punti conquistati nelle due tappe determinerà il nome del vincitore del titolo. Per la seconda e conclusiva tappa si spera nel vento nei prossimi giorni.

Oltre al freestyle di esibizione in Tow-In, si sono disputate al mattino altre due prove di Raceboard con in testa, dopo sei prove totali, il triestino Andrea Ferin davanti ai fratelli Jacopo e Riccardo Renna. Ferin ha vinto tutte le prove fin qui disputate, e si avvia a conquistare il titolo bissando il successo di specialità ottenuto nel 2014, sempre qui a Coluccia.

Oltre alla premiazione del freestyle si è tenuta anche la premiazione dell'Overall 2014 vinto da Andrea Ferin, il riconoscimento al regatante più completo nelle diverse discipline di AICW, l'Associazione Italiana Classi Windsurf. Ferin ha avuto una stagione davvero importante l'anno scorso, con il titolo italiano Raceboard, poi vice campione europeo slalom IFCA, e l'ottimo comportamento nel circuito PWA dei professionisti a livello mondiale. L'atleta triestino si è piazzato, per il podio, davanti a Michele Cicerone e a Marco Begalli. Premiato anche Malte Reuscher per aver vinto la speciale Fun Race Slalom disputata ieri.

Fonte AICW Associazione Italiana Classi Windsurf

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti