X-Terra Full Garda Race: intervista a Marco Zoppi | Outdoor Passion

X-Terra Full Garda Race: intervista a Marco Zoppi

Di EMANUELE IANNARILLI ,

X Terra Garda Lake  prova percorso (1)
X Terra Garda Lake prova percorso (1)

C’era da immaginarlo. Eh si, da sempre il Lago di Garda è meta di

turisti stranieri che arrivano da tutta Europa per trascorrere parte

delle loro vacanze. Tanti lo fanno perché il Lago, in particolare alcune

sue località sono delle vere e proprie “palestre all’aperto”, nido e covo

di un numero indefinito di sport outdoor. Loro lo sanno e apprezzano

anche e soprattutto la grande organizzazione che tanti comuni hanno

riservato all’accoglienza, ai percorsi e all’ospitalità in generale.

Ecco allora che al cocktail manca un solo ingrediente; X-Terra. Ce lo

racconta direttamente Marco Zoppi uno degli organizzatori della gara

che si terrà a Toscolano Maderno domenica 27 maggio.

“Dopo 2 anni nei quali la collaborazione con gli organizzatori

“originari” aveva portato la gara ad un numero poco sotto le 400 unità

si è ragionato su come poter aprire un canale di richiamo verso gli

atleti stranieri verso la nostra manifestazione. Il pensiero è subito

andato ovviamente ad X-Terra che è uno, se non il più grande marchio

del Cross Triathlon mondiale. Ma non era così facile. Infatti il circuito

prevede che ci sia solo una gara per nazione partecipante al tour

europeo e in Italia c’era già la tappa di Scanno. Alla fine è stata dura

ma li abbiamo convinti a fare un’eccezione, uno strappo per entrare

nel circuito e oggi ripaghiamo con una partecipazione di atleti

stranieri intorno al 50% degli iscritti che sono oltre 600”

OP: “Un successo insomma. Quali sono i requisiti principali che vi sono

stati richiesti?”

Marco Zoppi: “ Di rendere il tracciato da X-Terra e dunque più duro,

più estremo e spettacolare. Non aspettavamo altro e credo che alla

fine abbiamo mantenuto le promesse (ride).” Concordiamo

pienamente su ciò. Dopo la prova del percorso effettuata qualche

giorno fa possiamo dire che è davvero “da X-Terra”.

OP: “Quante energie e persone servono per organizzare un evento del

genere?”

Marco Zoppi: “Non si contano. Energie tante perché le cose da fare

sono una miriade anche se avendo l’esperienza del “vecchio” XGardaman

degli anni scorsi abbiamo potuto contare su una macchina

già oliata e su un team collaudato. A ciò si affianca l’appoggio

dell’amministrazione locale, enti vari che credono fortemente nello

sviluppo turistico sportivo del territorio. Inoltre, giusto per

complicarci un po la vita abbiamo “allargato” l’evento dando inizio alla

manifestazione già dal venerdì con cene e spettacoli di

intrattenimento. Sarà, dunque, un weekend di sport ma anche per

stare insieme alle famiglie.”

OP: “Non resta che attendere qualche altro giorno insomma per aprire

il sipario”.

Marco Zoppi: “Eh si , ormai si va verso il “sold-out” (intervista

effettuata prima della chiusura delle iscrizioni) e sentiamo una

discreta dose di responsabilità addosso. Siamo però sicuri che tutto

andrà per il meglio e che ci si divertirà e faticherà moltissimo.”

OP “Un’ultima domanda Marco. Cosa pensi stia succedendo al Cross

Triathlon italiano visto il crescente interesse e numeri di

partecipazione?”

Marco Zoppi: “L’ambiente beneficia di diversi fattori secondo me. La

spettacolarità e l’ambiente ancora molto rilassato sono due

importantissime cose da non sottovalutare. Nel triathlon su strada

infatti si sta assistendo un po ad un certo “innervosimento” degli atleti

e in tanti non tollerano ciò. In più il crescente numero di partecipanti

ha portato spesso al sold out e a costi importanti da sostenere per gli

atleti che o non trovano posto nelle competizioni oppure lo trovano a

costi molto elevati. Io credo molto in questa disciplina che per di più

come accennavo è davvero molto spettacolare.”

Non resta che fare l’imbocca al lupo a tutti gli attori che girano intorno

alla gara di Toscolano Maderno. Noi, di quanto detto ne siamo ampi

testimoni e vi assicuriamo che lo spettacolo non mancherà e che la

lotta per arrivare al traguardo sarà dura e serrata che sia per la prima

posizione ma anche solo per fregiarsi per la medaglia di finisher alla

quale tanti ambiscono. 27 maggio, ore 13, partenza X-Terra Full Garda

Lake…scatenate l’inferno.

Emanuele Iannarilli

Outdoorpassion.it

  • Appassionato di sport estremi in particolare Mtb, Surf, Snowboard. Ha collaborato con Pianetamtb.it per la stesura di articoli e report per le maggiori granfondo off-road italiane e gare a tappe internazionali. Responsabile comunicazione Challenge 24mtb 2013/2014. Atleta endurance con partecipazione a gare internazionali, marathon, granfondo, gare a tappe. Responsabile comunicazione di alcune granfondo nazionali e collaboratore per alcuni brand off-road per test materiali, prova nuova prodotti. Blogger e responsabile comunicazione Bike Action Team.

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti