Francois Cazzanelli

Il 24 aprile parte la spedizione di Giampaolo Corona e François Cazzanelli per il Kimshung, una montagna di 6700 metri in Nepal mai salita

Di Giancarlo Costa

Cartina KIMSHUNG

Sta per partire la spedizione di Giampaolo Corona, guida alpina trentina e François Cazzanelli, guida alpina valdostana del Centro Sportivo Esercito, per il Kimshung, una montagna di 6700 metri mai salita prima, in cui si mescoleranno esplorazione, arrampicata tecnica e alta quota. La partenza è prevista per il 24 aprile, poi da Kathmandu ci sarà quasi una settimana di viaggio, un giorno in jeep e poi 4-5 giorni di viaggio per il villaggio Latang e poi verso il campo base ...

Continua a leggere

Marco Farina, Marco Majori e François Cazzanelli, alpinisti della Sezione Militare di Alta Montagna, in vetta al Cerro Torre

Di Giancarlo Costa

Cerro Torre

Domenica 14 dicembre, la cordata composta dai tre alpinisti della Sezione Militare di Alta Montagna di Courmayeur, Marco Farina, Marco Majori e François Cazzanelli,  ha raggiunto la vetta del Cerro Torre (quota 3102 metri) dal versante ovest per la "Via dei Ragni" (600 Mt. - 90° - M4); tale via fu salita per la prima volta dai Ragni di Lecco (Daniele Chiappa - Casimiro Ferrari - Mario Conti - Pino Negri) nel gennaio del 1974.

Nella giornata odierna è previsto il rientro a El Chalten ...

Continua a leggere

Patagonia a 360 gradi: in partenza la spedizione del Centro Sportivo Esercito verso Cerro Torre e Fitz Roy

Di Giancarlo Costa

Cerro Torre apertura

Il 6 novembre 2014, dall’aeroporto di Torino Caselle, prenderà il via la Spedizione Alpinistica Militare “Patagonia a 360 gradi” pianificata dalla Sezione Militare di Alta Montagna del Centro Sportivo dell’Esercito Italiano con sede a Courmayeur (AO).

Il gruppo sarà composto da tre guide alpine, militari in forza all’Esercito ed alle Truppe Alpine, guidate dal Capo Spedizione Ten. Col. Remo ARMANO a cui sarà affidato il compito di coordinamento degli alpinisti e collegamento con i responsabili in Italia ...

Continua a leggere

Due mesi al Kangchenjunga: il racconto di François Cazzanelli

Di Giancarlo Costa

François Cazzanelli verso il campo 3 del Kangchenjunga (foto spedizione)

Sembra sempre che il tempo voli, ma quando si è in attesa dell’occasione giusta per realizzare un sogno questo sembra fermarsi: così è stato per noi allo Yalung Base Camp a 5400 metri di quota ai piedi del Kangchenjunga

Avevamo lasciato l’Italia il 2 aprile e dopo solo quindici giorni siamo giunti al campo base, effettuando un trekking lunghissimo e selvaggio, con la stagione ancora in ritardo quindi con tantissima neve e un freddo che ci penetrava nelle ...

Continua a leggere

La spedizione Valdostana al Kanchenjunga arrivata al Campo 3 a 7400 metri in attesa della salita finale

Di Giancarlo Costa

In vista del Kanchenjunga foto confortola

Ci siamo, dopo lo stop per il vento forte in quota dell'altro ieri, arrivano buone nuove dalla spedizione valdostana al Kanchenjunga, formata da Marco Camandona, Emrik Favre, François Cazzanelli con il valtellinese Marco Confortola.

Secondo quando comunicato attraverso i loro siti, sono arrivati al Campo 3 a quota 7400 metri. Cercheranno di riposarsi e di mangiare e verso le 19/20 ore locali, lasceranno il C3 per dirigersi verso la cima.

Una lunga notte li attende, verso la vetta ...

Continua a leggere

Spedizione al Kangchenjunga aprile-maggio 2014

Di Giancarlo Costa

Spedizione al Kangchenjunga aprile-maggio 2014

Sarà un'avventura per gente tosta questa spedizione al Kangchenjunga (quota 8586 metri), che montagna tosta e difficile da salire lo è da sempre. Un trentino, Franco Nicolini, un valtellinese, Marco Confortola, e tre valdostani, Marco Camandona. Emrik Favre e François Cazzanelli, questo il team che cercherà di salire senza usare ossigeno artificiale in vetta. Proprio a François Cazzanelli ho chiesto di presentare questa sua grande avventura, la scalata al suo primo “ottomila”.

Di François Cazzanelli

Il Kangchenjunga è la ...

Continua a leggere

Banana Sprint: itinerario di misto sulle Alpi Pennine, catena delle Grandes Murailles

Di Giancarlo Costa

Banana Sprint salita di misto sulle Grandes Murailles (foto Ferraris-Cazzanelli)

Di Roberto Ferraris e François Cazzanelli

Ci sono linee che si vedono sempre, ma che non sono mai state salite. "Banana sprint“ è una di quelle.

E' stata scalata il 14.03.2014 dalle guide alpine Francois Cazzanelli e Roberto Ferraris, rispettivamente S.M.A.M di Courmayeur e S.A.G.F. di Cervinia.

Non vuole essere una salita importante, ma solo una bella realizzazione in ricordo di una collega e amica perita di recente sotto una valanga: Simona ...

Continua a leggere

“Fuga e Ritorno” nuova via sulle Petites Jorasses (parete sud)

Di Giancarlo Costa

Fuga e Ritorno nuova via sulle Petites Jorasses

Di Marco Farina

Il 30 luglio e il 5 agosto gli alpinisti della sezione militare alta montagna di Courmayeur Marco Farina e François Cazzanelli hanno aperto una nuova via sull'evidente pilastro grigio vicino alla famosa parete sud delle Petites Jorasses.

La val Ferret tutte le volte che la percorro oltre a regalarmi sempre grandi emozioni mi spinge a cercare nuove linee da aprire dato il posto selvaggio e con lunghi avvicinamenti, che permettono di stare in “solitudine” con la ...

Continua a leggere

Cervino parete sud: terza ripetizione della via Casarotto-Grassi

Di Giancarlo Costa

Terza ripetizione della via Casarotto-Grassi sul Cervino

Di François Cazzanelli (Gruppo Militare Alta Montagna)

Per chi abita nella Valtournenche la parete sud del Cervino suscita un'attrazione fatale, quasi irresistibile. Era da un po’ di tempo che avevo puntato la “Casarotto-Grassi” e in quest’autunno mite con super condizioni era impossibile rinviare. Due messaggi ed i compagni sono subito pronti: Marco Farina è motivatissimo ed in forma smaliante ed il vecchio Roby Ferraris non si tira mai indietro per una via sulla Gran Becca.

Quindi il 18 ...

Continua a leggere

Incidente alla spedizione valdostana al Churen Himal in Himalaya

Di Giancarlo Costa

Churen_himal.jpg

Un incidente ha chiuso la spedizione valdostana al Churen Himal in Himalaya. L'alpinista Alain Marguerettaz, 51 anni di Sarre, che stava salendo verso la vetta di 7371 metri con Marco Camandona e uno sherpa, è caduto in un crepaccio e si è rotto in tre punti il femore sinistro. «Alle 2,30 di sabato - ha raccontato Camandona - siamo partiti dal Campo 2 (a quota 5800 metri) per tentare la cima. Dopo 150 metri di salita, Alain ci ha detto ...

Continua a leggere