Simon Gietl

La nuova Agner Hybrid Down Jacket di Salewa è la soluzione per proteggere dal freddo durante l’arrampicata

Di Giancarlo Costa

Salewa AGNER HYBRID DOWN JACKET

Per la stagione primavera estate 2019, Salewa ha reinventato la propria collezione Agner per offrire soluzioni intelligenti, specifiche e tecniche agli appassionati di alpine climbing. Per proteggere dai colpi di freddo durante le soste ma evitare il surriscaldamento mentre si arrampica, Salewa ha dotato la Agner Hybrid Down Jacket di un sistema di micro perforazioni di ventilazione.

Chiedere a uno scalatore di livello mondiale come Simon Gietl, vincitore della Grignetta d’Oro e del Karl Unterkircher Award, cosa indossi ...

Continua a leggere

La parete nord dell’Eiger a tempo di record per Roger Schaeli e Simon Gietl

Di Giancarlo Costa

Roger-Schaeli--Simon-Giet.gif

Roger Schaeli e Simon Gietl hanno scalato la parete nord dell´Eiger stabilendo un nuovo record di squadra nello speed climbing. Sono servite 4 ore e 25 minuti alla cordata formata dai due membri del team alpineXtrem di SALEWA per la classica via Heckmair: il primo scalatore aveva impiegato, nel 1938, ben tre giorni interi.

Se per molti la parete nord dell'Eiger coincide con l´apice della carriera alpina, per Roger Schaeli è come una buona vicina di casa ...

Continua a leggere

Big Wall in Groenlandia

Di Giancarlo Costa

Roger Schaeli, Daniel Kopp e Simon Gietl hanno conquistato nella Groenlandia orientale, la vetta di una big wall alta 1325 metri. I tre alpinisti del team alpineXtrem SALEWA ad inizio agosto hanno aperto una via che ha richiesto ben 40 tiri con un grado di difficoltà pari a 8.L´idea iniziale era di spostare in là i confini dell´alpinismo contemporaneo, andando a scrivere una nuova pagina di arrampicata in una terra affascinante quanto ancora sconosciuta, la Groenlandia. Qui ...

Continua a leggere

Roger Schäli e Simon Gietl verso il Cerro Fitz Roy in Patagonia

Di Giancarlo Costa

apertura Cerro Fitz Roy

Lo svizzero Roger Schäli e l'altoatesino Simon Gietl sono partiti per la Patagonia, direzione Cerro Fitz Roy (quota 3406 m). Per loro un obbiettivo ambizioso: due vie diverse, una da percorrere nel minor tempo possibile, l'altra dalle caratteristiche molto difficili e con una sosta di più giorni in parete. La Patagonia e i suoi straordinari rilievi non possono essere paragonati a nulla di ciò che un alpinista può trovare sulle Alpi. Grazie a previsioni del tempo abbastanza precise ...

Continua a leggere