Ancora tre lupi uccisi dal traffico in Piemonte

Di GIANCARLO COSTA ,

Il lupo delle favole (foto José Luis Rodríguez)
Il lupo delle favole (foto José Luis Rodríguez)

Tre lupi morti, in Piemonte, in pochi giorni. E tutti uccisi dall'impatto con un veicolo. E' quanto ha stabilito la necroscopia eseguita mercoledì 14 dicembre a cura dell'Università di Torino in collaborazione con il Dipartimento di Veterinaria, l'Istituto Zooprofilattico, il Centro Grandi Carnivori, i Parchi Alpi Cozie e la Città Metropolitana di Torino.
Gli animali erano stati rinvenuti in tre vallate delle province di Cuneo e Torino
La femmina di circa due anni recuperata,martedì 6 dicembre, lungo la linea ferroviaria in prossimità di Exilles dai guardiaparco del Parco naturale del Gran Bosco di Salbertrand con la collaborazione del Corpo Forestale dello Stato è stata investita dal treno. Si trovava all'interno del territorio occupato dai lupi del branco del Gran Bosco, presente stabilmente dal 1996: potrebbe essere una componente del branco, ennesima vittima del traffico su una delle molte e trafficate vie di comunicazione che spezzettano il territorio dei branchi della Val di Susa. In questo tratto della Valle, infatti, si registra il più alto numero di investimenti a livello regionale.
Si sono rivelati giovani lupi nati nel 2016 gli esemplari recuperati quasi contemporaneamente in Valle dell'Orco (TO) dal Parco Nazionale del Gran Paradiso e dalla Città Metropolitana di Torino, e, a distanza di circa 100 km, in Valle Po (CN), a Gambasca, dal Comprensorio Alpino di Caccia CN1. Entrambe le vallate sono occupate da un branco territoriale di lupi e questi giovani ne erano probabilmente membri.

«Il caso di questi lupi investiti in tre aree molto distanti tra loro in Piemonte – sottolinea un comunicato diffuso dal parco naturale delle Alpi Marittime - mette in luce la grande vulnerabilità della specie, che attualmente occupa in modo stabile buona parte del territorio alpino delle province di Cuneo e Torino. Mediamente, infatti, solo un cucciolo su quattro riesce a diventare adulto: gli altri muoiono per varie cause, due delle più importanti sono l'impatto con un veicolo e il bracconaggio».
La popolazione di lupo in Piemonte è cresciuta in questi anni, e l'aumentare del ritrovamento di lupi morti rispecchia questa tendenza. La stima minima della popolazione alpina di lupo in Piemonte relativa all'anno 2014-2015 ha individuato 19 branchi e 6 coppie, di cui 12 branchi e 4 coppie in provincia di Cuneo e 7 branchi e 2 coppie in Provincia di Torino. Questi dati, insieme a quelli relativi al recupero di lupi morti, sono consultabili e scaricabili dal sito www.lifewolfalps.eu. E' invece in corso la stima più accurata della presenza del lupo in Piemonte per l'anno 2016 grazie alla collaborazione di oramai tutte le Istituzioni territoriali piemontesi.

Fonte Piemonte Parchi

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti