Campionati Europei di Triathlon di Glasgow: oro per la svizzera Spirig e il francese Le Corre

Di GIANCARLO COSTA ,

Podio femminile Europei Glasgow (foto Tiziano Ballabio Fitri)
Podio femminile Europei Glasgow (foto Tiziano Ballabio Fitri)

Si sono aperti nel segno della fuoriclasse elvetica Nicola Spirig i Campionati Europei di Triathlon di Glasgow in Scozia. La campionessa olimpica di Londra 2012 domina la prova su distanza olimpica con una prestazione maiuscola e sale sul gradino più alto del podio continentale davanti alla britannica Jessica Learmonth e alla giovane francese Cassandre Beaugrand. La Spirig vince così in questa stagione 2018, il suo 6° titolo europeo dopo quelli del 2009, 2010, 2012, 2014 e 2015. Giornata amara per le azzurre: Ilaria Zane è la migliore al traguardo e chiude 12a , Giorgia Priarone termina 25a con una gara compromessa da una foratura mentre Angelica Olmo è stata coinvolta in una rovinosa caduta che l'ha costretta al ritiro. Una prova di forza quella della Spirig, rientrata da sola sulle fuggitive Learmonth e Beaugrand, le più leste ad uscire dall'acqua: quando l'elvetica ha ripreso il duo di testa, il ritmo è cambiato la francesina dominatrice della WTS di Amburgo ne ha fatto le spese. Posata la bici, la svizzera si è involata verso il trionfo, la britannica ha difeso l'argento mentre la Beaugrand ha mantenuto il terzo posto conquistando il bronzo.

Gara Maschile

Grossa sorpresa nella prova individuale maschile dei campionati europei di triathlon, con il bi-campione olimpico, il britannico Alistair Brownlee che cede nella frazione di corsa fino a perdere il podio. Podio su cui salgono il francese Pierre Le Corre oro, lo spagnolo Fernando Alarza argento che, dopo una rimonta incredibile, si è portato a soli 11 secondi dal vincitore, mentre il bronzo va al belga Marten van Riel a 23 secondi. Come detto medaglia di legno per il britannico Alistair Brownlee a 55”, quindi il belga Jelle Geens a 1’30”.
Lontano dalle medaglie gli azzurri in gara: il migliore al traguardo è Davide Uccellari, 20° a 3’42”, mentre Delian Stateff, crolla nel finale e finisce 44° a otto minuti.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti