Gare nazionali di canoa discesa fluviale

Di GIANCARLO COSTA ,

Canoa
Canoa

Sabato 25 e domenica 26 luglio si sono tenute nei comuni di Ferrentillo e Arrone (Terni) le gare nazionali di canoa discesa.

Per l'Ivrea CC presenti Carlotta Pera, Andrea Gillio e Marco Caldera.

Grande prestazione, nella gara sprint, per Andrea Gillio, che sicuramente ottiene il più importante risultato stagionale, battendo in prima manche il grande Mariano Bifano, Marina Militare, veterano della canoa italiana.

Nella somma delle due manche Gillio risulta secondo per un solo centesimo, dopo un cronometraggio alquanto discutibile e poco chiaro e preciso, per la mancanza della fotocellula in partenza, che permetteva sicuramente di avere una misurazione del tempo migliore.

È quasi una vittoria, non sulla carta ma sicuramente moralmente, che dimostra come tutto l'impegno di Andrea durante questa lunga stagione agonistica abbia finalmente dato i suoi frutti, portandolo al vertice della canoa italiana.

L'amarezza per la vittoria strappata ingiustamente del giorno prima ha consentito a Gillio di mettere tutta la grinta possibile nella gara classica della domenica, sicuramente ostica per lui in quanto estremamente lunga: Andrea raggiunge il terzo posto, a soli 5 secondi da Bifano e a circa 20 secondi dal campione mondiale Carlo Mercati, corpo Forestale dello Stato.

Anche per Carlotta Pera grandissimi risultati: nella gara sprint vittoria assoluta, davanti alla padrona di casa Alessandra D'Aguanno, canoa club Cassino, con un tempo di tutto rispetto, nonostante l'acqua poco mossa che sicuramente Carlotta non ama.

Nella classica Carlotta si ripete, vincendo davanti a Natalia Luzi, canoa club Città di Castello, e Alessandra D'Aguanno, CC Cassino.

Anche in questo caso una grandissima prova di forza che dimostra la grande crescita che, gara dopo gara, Carlotta sta realizzando.

Marco Caldera vince invece la gara sprint nella categoria master.

Sabato 1 e domenica 2 agosto si è svolta a Valstagna (Vicenza), sul fiume Brenta, la gara nazionale di discesa sprint e classica, valevole anche come campionato italiano ragazzi/master.

Ottime prestazioni, davvero esaltanti, quelle dei due atleti dell'Ivrea CC, Carlotta Pera e Andrea Gillio.

Carlotta Pera nella gara sprint si impone con decisione sulla vice campionessa del mondo a squadre a Lofer (AUT) nel 1998, Claudia Zamariola e su Ilaria Riva del CUS Milano.

Risultato sorprendente e cercato per tutta la stagione, è sicuramente un punto e a capo da cui partire per puntare a nuovi traguardi nella prossima stagione.

Nella gara classica invece raggiunge il secondo posto a pochi secondi dalla medaglia d'oro, ritardo dovuto ad un sorpasso di Carlotta, ostacolato in modo poco sportivo dall'atleta del Cus Milano Ilaria Riva, giunta al terzo posto a più di un minuto dalla nostra canoista eporediese.

Andrea Gillio conquista invece la medaglia d'argento, a circa un secondo da Mariano Bifano, Marina Militare, dimostrando però la stoffa del campione soprattutto nella seconda manche, limando al centesimo il distacco.

Nella gara classica Gillio ottiene invece l'ottavo posto.

(Leonardo Curzio)

.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti