Geoparco Alpi del Mediterraneo: tappa verso l'Unesco

Di GIANCARLO COSTA ,

Parco Naturale Alpi Marittime
Parco Naturale Alpi Marittime

Le "Alpi del Mediterraneo", vasta area transfrontaliera tra Piemonte e Francia, intendono candidarsi a a Geoparco UNESCO e ambiscono a diventare un Parco Internazionale e Patrimonio dell'Umanità
Un progetto che riguarda un'ampia parte della provincia di Cuneo, e che s'inserisce perfettamente nel Piano per la transizione ecologica del Piemonte, perché si colloca in linea con quanto previsto dal Green Deal ed è in grado di coniugare tutela dell'ambiente e crescita economica.
Si tratta della candidatura a GeoParco Unesco dell'area di oltre 200.000 ettari posti al confine tra Italia e Francia, un sito transfrontaliero di natura e cultura condiviso tra Alpi Marittime e Mercantour, chiamata convenzionalmente Alpi del Mediterraneo (Alpes de la Mediterranée in francese).

Le origini geologiche di quest'area risalgono a 400 milioni di anni fa e qui oggi, unico sito al mondo, è possibile osservare le testimonianze di due cicli orogenetici ed un evento straordinario: l'apertura dell'"Oceano Mediterraneo".
La candidatura a GeoParco UNESCO di questa regione, già oggi oggetto di tutela in quanto parte del territorio gestito dell'Ente delle Aree Protette delle Alpi Marittime e dal Parco del Mercantour, rappresenta una tappa di un ben più ambizioso progetto il cui traguardo finale si vorrebbe fosse il riconoscimento come Parco Internazionale e Patrimonio dell'Umanità.

Un "sogno", iniziato nel 2002, che intende tutelare queste terre anche attraverso una loro valorizzazione turistica, che crei nuove opportunità di lavoro: obiettivi che non contrastano tra loro.

Fonte Piemonte Parchi

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti