Guardiaparco a pedali per l'ambiente nelle Aree protette Alpi Marittime

Di GIANCARLO COSTA ,

Guardiaparco con bici elettriche (foto Bernardi)
Guardiaparco con bici elettriche (foto Bernardi)

Le Aree protette Alpi Marittime s’impegnano con un’azione concreta nella riduzione delle emissioni in atmosfera. I guardiaparco da quest’estate useranno meno le auto e più le bici.
In questi giorni sono stati dotati di alcune biciclette a pedalata assistita per fare vigilanza e per gli spostamenti tra gli uffici.
Si tratta di un’iniziativa che viene condotta nella consapevolezza che si tratta di una piccola goccia nel mare nella lotta ai cambiamenti climatici ma che vuole essere da esempio e stimolo per le persone ad adottare comportamenti virtuosi a beneficio dell’ambiente.

L’acquisto delle biciclette è stato cofinanziato dai Fondi Europei di Sviluppo Regionale (FESR) Programma di Cooperazione Interreg V-A Italia – Francia 2014 – 2020 Alcotra Progetto CClimaTT – Cambiamenti Climatici nel Territorio Transfrontaliero.

Fonte Piemonte Parchi

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti