Incidente alle Pale di San Martino – San Martino di Castrozza (TN)

Di GIANCARLO COSTA ,

Pale di San Martino
Pale di San Martino

Arriva l’estate e proliferano le notizie degli incidenti montagna, non fosse altro che per il gran numero di turisti, alpinisti e trekker che le frequentano approfittando del periodo estivo di vacanza. Due alpinisti della Repubblica Ceca, avevano deciso di affrontare una scalata di circa 300 metri, sulle Pale di San Martino, nelle Dolomiti trentine. Stavano salendo lungo la via Castiglione, quando, arrivati a quota 2500 metri il capocordata ha perso l'appiglio ed è scivolato cadendo nel vuoto. Un volo di più di 40 metri e un violento impatto con le rocce non gli hanno dato scampo: il ragazzo è morto sul colpo. E’ andata meglio al suo compagno di cordata, che era fermo su un punto di sosta. Resosi conto della tragedia a cui stava assistendo, grazie alla prontezza di riflessi o forse allo spirito di sopravvivenza è riuscito ad aggrapparsi ad una roccia che gli ha permesso di salvarsi. Le indagini chiariranno se sia stato un problema tecnico o un errore umano.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti